HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
Scelgo io
Edizione: 5/2013 ottobre

Nome: Scelgo io
Nato il: 22 gennaio 2002
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 30 dei mesi dispari


Abbonati a Scelgo io
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
Scelgo io su iPad e iPhone

Torna indietro
5/2013 ottobre | pagina 27

Salvia contro le caldane
Più dei farmaci ormonali, i disturbi del climaterio possono essere controllati con le erbe

Cerotti e creme ormonali hanno gli stessi rischi delle pastiglie. Alcuni specialisti consigliano alle donne in menopausa di combattere i disturbi con rimedi naturali.

Gli ormoni aumentano il rischio di cancro al seno, infarto e ictus. Negli ultimi anni si sono fatte una pessima fama soprattutto le pastiglie ormonali. I medici puntano quindi su cerotti, creme e gel. Non è però chiaro se questi prodotti siano meno dannosi delle compresse. La rivista tedesca specializzata Gute Pillen, Schlechte Pillen ha analizzato alcuni studi sulla pericolosità di questi prodotti.

Secondo gli autori non ci sono dubbi: per quanto concerne il cancro al seno, i preparati applicati esternamente presentano gli stessi rischi delle pastiglie. I dati per l'infarto cardiaco e il colpo apoplettico sono ancora insufficienti. Secondo la rivista specializzata, gli studi si limitano a indicare che si riduce leggermente l'incidenza di occlusioni vascolari delle gambe. Perciò i medici dovrebbero prescrivere cerotti, creme e gel ormonali solo per brevi durate e a bassi dosaggi, come si legge nell'articolo.

In linea di principio, bisogna considerare che il climaterio è un processo naturale e non una malattia. Disturbi quali vampate di calore, mal di testa e malumori depressivi non dovrebbero essere curati con ormoni.

Con le tisane alle erbe si dorme meglio
La ginecologa e omeopata Rut Mellenthin della clinica Runa di Soletta consiglia alle sue pazienti rimedi naturali: preparati a base di luppolo, agnocasto o actaea racemosa. «Ho avuto ottime esperienze anche con le tisane di salvia». La salvia sarebbe utile in caso di vampate di calore e avrebbe un effetto leggermente anestetico. «Le pazienti dormono meglio».

«Spesso, la medicina cinese tradizionale combinata con agopuntura e miscele di erbe è molto efficace», aggiunge Franziska Wirz del centro di consulenza femminile Appella. Anche un cambiamento nelle abitudini alimentari avrebbe effetti positivi: «A volte serve già ridurre la quantità di caffè o di prodotti con zucchero e farina bianca».

I preparati ormonali ad uso esterno, secondo Mellenthin e Wirz, sono utili solo se i disturbi inibiscono fortemente la qualità di vita. Ma anche in quel caso, «il consiglio di assumere ormoni non lo diamo mai», ribadisce Wirz.

Brigitte Jeckelmann, Saldo
Silvia Mossi

Impressum Design by VirtusWeb