HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
Scelgo io
Edizione: 6/2013 dicembre

Nome: Scelgo io
Nato il: 22 gennaio 2002
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 30 dei mesi dispari


Abbonati a Scelgo io
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
Scelgo io su iPad e iPhone

Torna indietro
6/2013 dicembre | pagina 2

Stravedere coi broccoli
Verdure verdi e pesci mantengono sana la vista più a lungo. Lo conferma uno studio.

Chi mangia molto pesce e molta verdura, in età avanzata ci vedrà meglio. Lo hanno scoperto gli oftalmologi della clinica universitaria di Lipsia, descrivendo la loro scoperta nel Journal of Clinical & Experimental Ophtalmology.

I ricercatori hanno accompagnato 200 pazienti con una degenerazione maculare secca. Questa malattia, legata all'invecchiamento, colpisce la porzione centrale della retina predisposta alla visione nitida.

A un gruppo di pazienti sono stati somministrati preparati con i carotenoidi luteina e zeaxantina oltre ad acidi grassi omega 3, mentre all'altro è stato dato un placebo. Dopo un anno, i ricercatori hanno constatato che, nel primo gruppo di pazienti, la malattia ha avuto uno sviluppo rallentato.

Sarebbe noto che a scatenare la degenerazione maculare può essere lo stile di vita, scrive Jens Dawczynsiki, il direttore dello studio. Non sarebbe però necessario assumere pillole. Sarebbe meglio mangiare verdura verde come broccoli, verza, cavoletti di Bruxelles, e pesci quali aringa, sgombro e salmone di cattura con un tenore particolarmente elevato di sostanze sane.

«Attraverso l'alimentazione naturale, il corpo assume gli elementi nutritivi meglio che attraverso le pastiglie», conferma l'oftalmologa zurighese Silvia Müller-Büchele.

Impressum Design by VirtusWeb