HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
Scelgo io
Edizione: 6/2013 dicembre

Nome: Scelgo io
Nato il: 22 gennaio 2002
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 30 dei mesi dispari


Abbonati a Scelgo io
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
Scelgo io su iPad e iPhone

Torna indietro
6/2013 dicembre | pagina 5

Oh cardo, mi spezzi il cuore!
Gli esperti consigliano di usare gli oli di colza, lino e oliva

Alcuni grassi e oli alimentari, come quello di cardo, contengono molti acidi grassi omega 6. Uno studio dimostra però che assumerne in grandi quantità sovraccarica il cuore.

Gli oli di girasole, cardo e arachidi sono molto apprezzati in cucina, ma contengono una grande quantità di grassi insaturi omega 6. Da parecchio tempo si sospetta che questi possano sovraccaricare il cuore.

Ora, nella rivista specializzata British Medical Journal, anche alcuni ricercatori americani giungono alla conclusione che un'alimentazione troppo ricca di acidi grassi omega 6 abbia più effetti nocivi che benefici sul cuore.

I ricercatori, guidati da Christopher Ramsden dei National Institutes of Health di Bethesda (Usa), hanno analizzato un vasto studio australiano svoltosi negli anni '70 al quale avevano partecipato circa 500 uomini in età compresa tra 30 e 59 anni. Una metà si era alimentata a piacimento, mentre l'altra aveva cercato di evitare il più possibile il consumo di grassi animali, sostituendoli con olio e margarina di cardo.

Dopo circa tre anni, all'interno del secondo gruppo era morto di una malattia cardiaca quasi il 70% dei partecipanti in più rispetto al primo gruppo. Altri due studi analizzati dai ricercatori americani hanno mostrato gli stessi effetti.

Philip Calder, professore di alimentazione e immunologia all'Università inglese di Southampton, in un suo commento consiglia di consumare con moderazione gli acidi grassi omega 6.

Meno omega 6, più omega 3
Questo è quanto consiglia anche lo specialista in medicina preventiva David Fäh: «L'uomo non necessita di molti acidi grassi insaturi, ma di quelli giusti». Tra questi si trovano gli omega 3, contenuti nell'olio di colza e di lino.

Inoltre, sono da preferire gli oli che contengono una grande quantità di acidi grassi monoinsaturi, tra cui, oltre a quello di colza, anche l'olio d'oliva. «Personalmente, utilizzerei come principale fonte di grasso un olio d'oliva extravergine», afferma Fäh. Entrambi gli oli sono composti principalmente da acidi grassi monoinsaturi.

Anche la Commissione federale per l'alimentazione, nel suo rapporto sui grassi, mette in secondo piano gli acidi grassi omega 6. Sostiene infatti che è molto più importante consumare regolarmente la quantità necessaria di acidi grassi omega 3. Basta un cucchiaio di olio di colza al giorno, margarina di olio di colza, un paio di noci oppure pesce.

Andreas Grote, Gesundheitstipp
Martina Wallimann

Impressum Design by VirtusWeb