HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
Scelgo io
Edizione: 6/2013 dicembre

Nome: Scelgo io
Nato il: 22 gennaio 2002
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 30 dei mesi dispari


Abbonati a Scelgo io
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
Scelgo io su iPad e iPhone

Torna indietro
6/2013 dicembre | pagina 11

Sali speciali: costosi sì, più sani no
I sali speciali venduti a caro prezzo nei negozi non portano particolari vantaggi alla salute.

Fleur de sel, Blue Persian o dell'Himalaya sono solo alcuni dei fantasiosi nomi con i quali vengono venduti i sali speciali. Negozi biologici, di specialità gastronomiche e grandi distributori vendono sale proveniente da paesi lontani. Sono pubblicizzati con slogan che ne lodano le proprietà salutari. In più, i giacimenti di sale si sarebbero formati centinaia di milioni di anni fa.

Questi sali speciali possono però costare fino a 170 volte in più rispetto a quello normalissimo del Giura. È il risultato di una prova a campione della rivista per i consumatori K-Tipp.

Ma sono almeno più sani? L'associazione tedesca per la protezione del consumatore Stiftung Warentest ha esaminato 36 prodotti diversi.
Ebbene, questi sali non giovano particolarmente alla salute. Dal punto di vista chimico, praticamente non ci sono differenze.

Secondo la Stiftung Warentest, tutti i sali speciali analizzati erano composti dal 93 al 99,9% di cloruro di sodio. A proposito delle indicazioni dell'età dei giacimenti bisogna dire che tutti i depositi di sale nell'Europa centrale hanno circa un'età dai 200 ai 300 milioni di anni.

Darko Cetojevic, K-Tipp
Anja Rosebrock

Impressum Design by VirtusWeb