HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
Scelgo io
Edizione: 2/2014 aprile

Nome: Scelgo io
Nato il: 22 gennaio 2002
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 30 dei mesi dispari


Abbonati a Scelgo io
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
Scelgo io su iPad e iPhone

Torna indietro
2/2014 aprile | pagina 6

Fibre: una bontà per il cuore
Gli alimenti integrali contengono sostanze che proteggono dalle cardiopatie

Cereali integrali, lenticchie e verdure proteggono il cuore dall'infarto. Le fibre alimentari non solo migliorano la digestione, ma diminuiscono il rischio di cardiopatie e ictus.

Ecco un'altra ragione per mangiare più spesso cereali integrali e verdure: questi alimenti contengono tante fibre che fanno bene al cuore e ai vasi sanguigni. È stato dimostrato da uno studio pubblicato dalla rivista specializzata British Medical Journal.

Gli studiosi dell'Università di Leeds (Inghilterra) hanno analizzato 22 ricerche su questo tema. I risultati emersi sono chiari: il rischio di contrarre malattie cardiovascolari, quali infarto, insufficienza del cuore e ictus, diminuisce se si mangiano tante fibre. E non ci vuole nemmeno tanto: chi mangia sette grammi di fibre in più al giorno diminuisce il proprio rischio già quasi del 10%. Questa quantità si raggiunge facilmente: bastano due o tre fette di pane integrale.

Un cibo da includere nella dieta
Il medico Robert B. Baron, professore all'Università della California, nel suo commento allo studio trae la seguente conclusione: «Mangiare più fibre potrebbe diventare uno dei consigli più importanti per un'alimentazione sana».

Anche l'esperto in medicina preventiva David Fäh, dell'Università di Zurigo, consiglia di mangiare tante fibre. Queste, in più, possono diminuire il rischio di diabete, valori poco favorevoli dei lipidi del sangue e sovrappeso. L'effetto preventivo delle fibre sul cancro intestinale, a lungo ipotizzato, non è invece stato confermato dagli studi.

Gli esperti consigliano di assumere almeno 30 grammi di queste fibre salutari al giorno. Una grande quantità è contenuta in cereali integrali, legumi, verdure, bacche, frutta secca e noci.

La soluzione migliore è una scelta variegata di alimenti, poiché cibi diversi contengono tipi di fibre differenti. Gli esperti distinguono tra fibre solubili e non solubili in acqua. Dal nuovo studio condotto a Leeds emerge che in particolare le fibre non solubili contenute nei cereali e nelle verdure hanno un effetto positivo sul rischio di malattie cardiache.

Dato che non si sa ancora quali gruppi di fibre abbiano un effetto benefico su un determinato rischio, la nutrizionista Beatrice Schilling di Baden (Argovia) consiglia di mangiare in generale più prodotti integrali, verdure e frutta: «Questi alimenti contengono anche numerose altre sostanze salutari».


Consigli

Assumetele piano piano

- Scegliete prodotti integrali.

- Consumate verdure e frutta, se possibile con la buccia.

- Mangiate più volte a settimana lenticchie, fagioli e piselli.

- Aggiungete al müesli o allo yogurt un cucchiaio di crusca o alcune noci.

- Aumentate la quantità di fibre assunte pian piano per permettere all'intestino di abituarsi.

Sonja Marti, Gesundheitstipp
Anja Rosebrock

Impressum Design by VirtusWeb