HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
Scelgo io
Edizione: 2/2014 aprile

Nome: Scelgo io
Nato il: 22 gennaio 2002
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 30 dei mesi dispari


Abbonati a Scelgo io
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
Scelgo io su iPad e iPhone

Torna indietro
2/2014 aprile | pagina 10

Rimedi naturali per l'intestino pigro
La costipazione non va combattuta per forza assumendo lassativi chimici

Chi soffre di stitichezza non dovrebbe subito assumere lassativi. Anche tisane e massaggi possono fare molto.

I pazienti costipati non parlano volentieri dei loro problemi con il medico. Molti acquistano in farmacia lassativi come Dulcolax, Prontolax o Softolax, ma anche tisane e pastiglie con purganti vegetali, ad esempio le foglie di senna. Queste si acquistano senza ricetta medica e il loro effetto è un aumento della costrizione dei muscoli intestinali.

Gli specialisti consigliano di non assumere queste sostanze troppo a lungo. «Il pericolo è che l'intestino vi si abitui», spiega Dominique Criblez, specialista in malattie gastrointestinali presso l'Ospedale cantonale di Lucerna. Di conseguenza, senza queste sostanze non funziona più.

Chi assume lassativi per molto tempo e in modo incontrollato rischia inoltre, secondo l'informazione specialistica di Dulcolax, persino una perdita eccessiva di liquidi e sostanze minerali, tra cui il potassio. Ciò causerebbe debolezza muscolare e può danneggiare i reni.

Sulle cause dell'intestino pigro non vi è ancora un'opinione univoca da parte degli esperti. Il medico specialista Criblez dice però che spesso le persone si preoccupano troppo in fretta. Infatti, in particolare negli anziani sarebbe normale non poter evacuare giornalmente.

Il caso peggiore è un'occlusione
La situazione si farebbe problematica solo quando si può liberare l'intestino meno di due volte alla settimana, provando inoltre mal di pancia. In questo caso, Criblez consiglia di consultare un medico perché, nella peggiore delle ipotesi, si rischia un'occlusione intestinale.

Criblez consiglia di usare innanzitutto sostanze blande. Gli interessati dovrebbero poi fare movimento e bere almeno due litri di acqua o tè al giorno. Una tisana particolarmente indicata è quella di tiglio.

Oltre a ciò, bisognerebbe prestare attenzione ad assumere fibre a sufficienza, con verdura, pane integrale e leguminose. Lo stesso Criblez mischia tutte le mattine un cucchiaio di crusca di frumento o semi di lino al suo yogurt della colazione. Importante sarebbe inoltre non bloccare lo stimolo ad andare di corpo e prendersi tutto il tempo necessario.


Consigli

Dal tè al massaggio intestinale

- Bevete giornalmente da quattro a cinque tazze di tè di tiglio.

- Immergete alcune prugne o albicocche secche in acqua bollente e lasciatele a mollo durante la notte. Mangiate la frutta così ammorbidita il mattino successivo.

- Massaggiate la pancia in senso antiorario partendo dal basso alla vostra destra e poi salendo. Questo stimola l'intestino.

- Inspirando, tirate la pancia verso l'interno ed espirando lasciatela scattare con un rapido movimento verso l'esterno. Ripetete questo esercizio dieci volte al giorno.

Brigitte Jeckelmann, Gesundheitstipp
Vichi Masella

Impressum Design by VirtusWeb