HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
Scelgo io
Edizione: 4/2014 agosto

Nome: Scelgo io
Nato il: 22 gennaio 2002
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 30 dei mesi dispari


Abbonati a Scelgo io
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
Scelgo io su iPad e iPhone

Torna indietro
4/2014 agosto | pagina 3

Acque pulite, ma attenti alla dermatite
I batteri come l'escherichia coli non sono presenti nei laghi del Ticino. Ci possono però essere altri parassiti

Le acque dei laghi ticinesi sono pulite. Tuttavia, un parassita può rovinare un pomeriggio passato al lido. La conseguenza può essere una reazione allergica con pustole e prurito.

Nei laghi del Canton Ticino si può nuotare tranquilli. Il Laboratorio cantonale ha analizzato le acque del Ceresio, del laghetto di Astano, del Verbano e delle acque vicine alle zone di balneazione alla ricerca di escherichia coli e enterococchi intestinali. La qualità è praticamente ineccepibile ovunque. Si può dunque fare il bagno senza troppe preoccupazioni nelle belle giornate estive.

Ma se certi batteri non sono una minaccia per la salute, dopo una nuotata può succedere che si formino pustole pruriginose sulla pelle: potrebbe essere dermatite del bagnante, conosciuta anche come dermatite da cercarie. Si tratta di parassiti che penetrano accidentalmente nella pelle causando una reazione allergica. Si trovano soprattutto nelle acque basse, vicino alla riva.

Che fare allora se dopo un pomeriggio al lago la pelle inizia a prudere e notate pustole rosse sul corpo? Nella maggior parte dei casi non è necessario andare dal medico o al pronto soccorso.

Nuotate preferibilmente dove l'acqua è alta
Grattarvi può solo favorire un'infezione. Fate una doccia gelida e applicate compresse fredde o creme contro il prurito sulle zone colpite. Se avete vertigini, febbre o nausea, oppure il pizzicore è molto diffuso e insopportabile e non si attenua, consultate un medico.

Per ridurre i rischi, oltre a evitare le zone segnalate con avvertimenti, conviene nuotare in acque profonde o correnti (fiumi). Inoltre, appena usciti dall'acqua, è utile fare la doccia e asciugarsi sfregando vigorosamente.

Poiché questi parassiti vivono in particolare sulle anatre, evitate di attirare questi uccelli dando loro cibo nelle zone in cui la gente nuota in prossimità della riva.

Arianna Bersani


Balneabilità delle acque: tiny.cc/balneabilita

Scheda informativa: tiny.cc/dermatite-bagnante
www.tiny.cc/balneabilita
www.tiny.cc/dermatite-bagnante

Impressum Design by VirtusWeb