HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
Scelgo io
Edizione: 4/2014 agosto

Nome: Scelgo io
Nato il: 22 gennaio 2002
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 30 dei mesi dispari


Abbonati a Scelgo io
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
Scelgo io su iPad e iPhone

Torna indietro
4/2014 agosto | pagina 4

Camomilla al veleno
Un test ha rivelato la presenza di una sostanza cancerogena nelle tisane

I tè alle erbe contengono un pesticida controverso. Alcuni persino in grandi quantità.

Molte tisane a base di camomilla contengono fitofarmaci cancerogeni. Lo dimostra un test della trasmissione Wiso, del canale tedesco Zdf. Gli esaminatori hanno trovato l'alcaloide pirrolizidinico (Pa) in 10 tisane su 15. Alcune sono vendute anche in Svizzera: i negozi bio, ad esempio, vendono il tè alle erbe Lebensbaum Kamille, che è il terzo con la più alta concentrazione di Pa del test.

Le filiali Alnatura di Zurigo-Höngg e Regensdorf, che appartengono a Migros, vendono il tè Alnatura camomilla bio, il secondo con la dose più grande di Pa. Alnatura dice che il tenore di Pa all'interno dello stesso tipo di tè può essere molto variabile e il consumo della sua tisana non rappresenterebbe «un pericolo acuto».

L'Ufficio federale tedesco per la valutazione dei rischi (Bfr) consiglia di bere tè diversi per limitare l'assunzione di Pa. Questo fitofarmaco potrebbe danneggiare l'organismo e causare tumori al fegato e ai polmoni. Il Bfr ha analizzato oltre 200 tisane alle erbe e altri tipi di tè: tutti ne contengono, in parte anche in grandi quantità.

Secondo l'Ufficio federale svizzero della sicurezza alimentare esiste solo «un rischio ridottissimo», ad esempio per le donne incinte e i lattanti. L'autorità sta attualmente facendo analizzare i tè in laboratorio. I risultati saranno disponibili durante l'estate.

Eric Breitinger, Saldo
Vichi Masella



Occhi protetti sotto al sole

All'acquisto di un paio di occhiali da sole è importante controllare che proteggano bene dai raggi Uv.

I test sugli occhiali da sole svolti negli ultimi anni non hanno rilevato problemi per quanto concerne la protezione Uv. Ciò nonostante:

- Prestate attenzione al marchio CE e all'indicazione "Protezione Uv 100% fino a 400 nanometri" (100 Uv 400 nm). Con lenti scure, una buona protezione Uv è molto importante perché le pupille si dilatano tanto.

- Gli occhiali non devono essere troppo piccoli, altrimenti l'occhio sarà colpito da luce non filtrata.

- Guardate attraverso le lenti da una certa distanza: non dovrebbero avere bolle o difetti. Muovendo gli occhiali qua e là, gli oggetti guardati non devono deformarsi.

- Non appoggiate gli occhiali sotto la stecca del sole. Il calore può compromettere l'effetto protettivo.

- Indossate gli occhiali da sole anche quando è nuvoloso. Le nuvole, infatti, riducono l'irradiamento Uv solo debolmente.

Impressum Design by VirtusWeb