HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
Scelgo io
Edizione: 4/2014 agosto

Nome: Scelgo io
Nato il: 22 gennaio 2002
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 30 dei mesi dispari


Abbonati a Scelgo io
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
Scelgo io su iPad e iPhone

Torna indietro
4/2014 agosto | pagina 16

Feta gommosa e con poco sapore
Il tipico formaggio greco delude gli esperti di una degustazione

Il fresco sapore della feta arricchisce i piatti estivi. Ma in una degustazione, sei prodotti su sei sono appena sufficienti. Nessuno contiene batteri patogeni.

Con il suo sapore acidulo e salato, la feta si presta bene alle insalate e ai menu mediterranei. È un formaggio prodotto in Grecia da una miscela di latte di pecora e di capra e contiene molto calcio, proteine e vitamina D. Il formaggio stagiona in acqua salata; in genere è confezionato e venduto con un po' di liquido, così rimane fresco e succoso.

Trovare una feta buona non è però affatto semplice. Lo dimostra un confronto della rivista Gesundheitstipp.

In una degustazione, cinque esperti hanno valutato sapore e consistenza di sei formaggi feta mentre un laboratorio ha misurato il tenore di sale e colibatteri.

La migliore è solo «equilibrata»
Gli assaggiatori hanno criticato la feta Hotos di Coop definendola insipida, e anche quella bio dello stesso produttore per una consistenza «leggermente gommosa». I prodotti di Migros e Lidl, secondo gli esperti, hanno un aroma «noioso e troppo acido».

La nota migliore è stata attribuita alla feta di Aldi. Gli assaggiatori ne hanno lodato un «gradevole aroma equilibrato». In generale, comunque, sono rimasti delusi dalla degustazione.

Decisamente migliore il risultato dell'analisi batteriologica: nessun prodotto contiene colibatteri.

Lidl scrive che una degustazione alla cieca svolta internamente avrebbe dimostrato che il giudizio di Gesundheitstipp non è condiviso. Coop vuole incrementare i test sui suoi formaggi feta ed eventualmente introdurre misure per migliorarne la qualità.

Andreas Grote, Gesundheitstipp
Vichi Masella

Impressum Design by VirtusWeb