HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
Scelgo io
Edizione: 4/2014 agosto

Nome: Scelgo io
Nato il: 22 gennaio 2002
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 30 dei mesi dispari


Abbonati a Scelgo io
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
Scelgo io su iPad e iPhone

Torna indietro
4/2014 agosto | pagina 29

Va dato il contratto alla cassa?
«Sono stato per un lungo periodo senza occupazione e quindi ero assicurato per gli infortuni presso la mia cassa malati. Ora che ho iniziato a lavorare, l'assicurazione mi chiede una copia del contratto di lavoro o un conteggio del salario. Devo trasmettere questi documenti?».

No, è sufficiente che il suo datore di lavoro confermi alla cassa malati che lei è assicurato contro gli infortuni tramite l'azienda. Non è necessaria una copia del contratto di lavoro o del certificato di salario.
Se lei lavora per lo stesso datore di lavoro per più di otto ore alla settimana, è assicurato obbligatoriamente tramite l'azienda per gli infortuni professionali e non.


Il mio ex deve pagare gli occhiali?

«Mio figlio ha bisogno di un nuovo paio di occhiali. Il mio ex marito non vuole partecipare alle spese, perché gli versa già gli alimenti. Ha ragione?».

No. Gli alimenti servono per il normale mantenimento del figlio, non per pagare le spese straordinarie.
Il suo ex marito deve quindi partecipare alle spese dei nuovi occhiali di suo figlio.

Impressum Design by VirtusWeb