HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
Scelgo io
Edizione: 6/2014 dicembre

Nome: Scelgo io
Nato il: 22 gennaio 2002
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 30 dei mesi dispari


Abbonati a Scelgo io
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
Scelgo io su iPad e iPhone

Torna indietro
6/2014 dicembre | pagina 5

Più caffè, meno tinnito
Il caffè stimola i nervi nell'orecchio. Così ci sono meno rischi di soffrire di tinnito. Lo dice una ricerca.

A quanto pare, il caffè riduce il rischio di tinnito. È il risultato di uno studio condotto all'Università statunitense di Harvard a cui hanno partecipato 65 mila donne americane tra 30 e 44 anni d'età. Quelle che quotidianamente ne bevevano cinque tazzine o più erano colpite dai fastidiosi rumori nell'orecchio con un'incidenza nettamente inferiore rispetto a quelle che consumavano caffè solo moderatamente, dunque da una a due tazzine al giorno.

La spiegazione data dai ricercatori è che il caffè stimola i nervi nell'orecchio, proteggendoli maggiormente dal tinnito, come scrivono sull'American Journal of Medicine.

Andreas Schapowal, otorino e presidente della Lega tinnito svizzera, lo ritiene plausibile. Studi precedenti avevano altresì dimostrato che un grande consumo di caffè protegge pure da altre malattie, ad esempio diabete, ictus o depressione.



Pressione, scendi!

Avere la pressione alta nuoce al cervello delle persone di mezza età. Ma si può correre subito ai ripari anche senza farmaci.

L'ipertensione è un noto fattore di rischio per la demenza. Ora un nuovo studio statunitense dimostra che questo disturbo è particolarmente pericoloso per il cervello delle persone tra 50 e 60 anni.

La dottoressa Rebecca Gottesman dell'Università John Hopkins di Baltimora ha analizzato con il suo gruppo di ricercatori i dati di 13'500 uomini e donne. Risultato: tra i pazienti ipertesi, le facoltà mnemoniche e intellettive dopo 20 anni sono peggiorate in modo più netto rispetto a quelle delle persone che avevano la pressione normale.
La notizia positiva, come spiega Gottesman, è che l'ipertensione può essere curata per tempo. E questo ridurrebbe il deperimento mentale.

Non sempre sono necessari farmaci. L'ipertensione si riduce anche facendo più movimento, smettendo di fumare, dimagrendo, diminuendo lo stress e bevendo meno alcol.

Impressum Design by VirtusWeb