HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
Scelgo io
Edizione: 6/2014 dicembre

Nome: Scelgo io
Nato il: 22 gennaio 2002
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 30 dei mesi dispari


Abbonati a Scelgo io
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
Scelgo io su iPad e iPhone

Torna indietro
6/2014 dicembre | pagina 15

Affettati in poltiglia
Le grattugie multiuso non brillano per la qualità

Su 10 grattugie, 3 sono insufficienti e 2 buone. Metà è sufficiente. Il problema maggiore è proprio il taglio.

Le grattugie multiuso esistono in varie forme e dimensioni. La rivista per i consumatori Saldo ne ha testate dieci delle più vendute. Tutte hanno affrontato una prova pratica e una di resistenza. Sono inoltre state valutate maneggevolezza e sicurezza (vedi "I criteri del test").

Appena due grattugie sono risultate adatte a tutti gli scopi. Molte vanno bene solo con verdure dure. Il modello di Gsd e la grattugia 4 in 1 di Zyliss hanno ottenuto i risultati migliori nella prova pratica. Risultati sufficienti per Moha e de Buyer. Tutte le altre non sono state in grado di affettare pomodori senza ridurli in poltiglia. La lama della grattugia universale di Coop era talmente poco affilata da averli lasciati praticamente intonsi.

Mouli-Julienne 3 in 1 e la grattugia a tamburo Alu di Zyliss hanno avuto difficoltà nell'affettare cipolle e cetrioli. Entrambe funzionano a manovella con lame a inserimento. Questo sistema va però bene solo con verdure solide come carote e patate.

Dkb, il rappresentante svizzero di Zyliss, commenta il test specificando che attualmente Alu è in fase di rielaborazione.

La grattugia a quattro lati di Ikea e quella universale di Coop non hanno grattugiato né affettato niente in modo soddisfacente. Si sono rivelate carenti anche nella resistenza: qualità della lavorazione insufficiente e lame poco affilate. Coop scrive che finora non sarebbero giunte reclamazioni importanti. Coglierebbe però subuto l'occasione per verificare e migliorare la qualità del prodotto.

Le grattugie esaminate hanno dovuto superare anche un test di corrosione e dieci passaggi in lavastoviglie. Mouli-Julienne ha formato macchie di ruggine su lame e manovella. Idem sulle lame della grattugia 4 in 1 di Zyliss.

Tutti i prodotti hanno superato il test della lavastoviglie, ma la manovella di Alu, dopo, era difficile da inserire. La grattugia universale di Coop, i modelli 4 in 1 di Zyliss, Gsd, Moha e quello multiuso di Migros sono facili da lavare a mano. L'odore di cipolla è sparito da tutti i prodotti.

Lavorare le verdure richiede molta forza con Idealisk e la grattugia universale di Coop. Sono le uniche che funzionano senza supporto per le verdure; bisogna quindi passarle a mano sopra la lama. Nel criterio della sicurezza hanno pertanto ottenuto il peggior risultato.

Alu e Mouli-Julienne hanno presentato il minor rischio di ferimento. Con il prodotto di Moulinex, però, bisogna premere la verdura sulla grattugia con molta forza. Il laboratorio ha sottolineato che ciò causa difficoltà nel tenere la grattugia in mano e ha criticato l'ingombro dato dalla manovella. Inoltre, l'apertura a scatto sarebbe troppo piccola per cetrioli larghi e, durante l'uso, le verdure spesso cadono fuori.


I criteri del test

L'istituto di prova tedesco Pzt di Wilhelmshaven ha sottoposto a un test dieci grattugie che svolgono almeno tre funzioni: grattugiare in modo fine e grossolano, affettare. I criteri:

- Prestazione del taglio

Nel test pratico, le grattugie hanno dovuto grattugiare, affettare e, se era possibile, tagliare a striscioline cetrioli, cipolle, pomodori, carote e patate. Gli esperti hanno valutato qualità del taglio, ottica, perdita di succo e quanto fossero croccanti le verdure tagliate.

- Robustezza

Le grattugie presentano una buona lavorazione? Quanto velocemente si consumano? Arrugginiscono? Per verificare questi punti, gli esperti hanno grattugiato con ogni modello 100 carote, le hanno lavate dieci volte in lavastoviglie e le hanno lasciate cadere per tre volte da un metro di altezza. Inoltre hanno spruzzato sulle grattugie una soluzione salina valutando poi la ruggine formatasi dopo tre giorni.

- Maneggevolezza, pulizia

Il gruppo di esperti ha verificato le istruzioni d'uso, ha montato e smontato le singole parti degli attrezzi e ha valutato quanto fosse facile grattugiare. È stata inoltre misurata la velocità con cui si potevano pulire e se trattenevano gli odori.

- Sicurezza

Per prevenire ferimenti e infortuni, le grattugie non dovrebbero scivolare durante l'uso e nemmeno avere lame scoperte.


Consigli

Una buona grattugia deve assolutamente avere lame affilate. Deve essere comoda da tenere in mano e non presentare pericolo di ferimento.

- Scelta della grattugia: per una piccola economia domestica non è necessaria una grattugia elettrica; è sufficiente un modello manuale.

- Grattugia a tamburo: è una buona soluzione per i bambini, perché presenta un minore rischio di ferimento. Questo modello è adatto soprattutto per le verdure dure.

- Affettaverdure: per le verdure morbide è meglio sceglierne uno con lama bene affilata o un coltello.

- Grattugia bircher: ha uno speciale taglio a onda che permette, ad esempio, di grattugiare molto finemente le mele.

Alexandra Uster, Saldo
Michela Salvi

Impressum Design by VirtusWeb