HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
Scelgo io
Edizione: 6/2016 dicembre

Nome: Scelgo io
Nato il: 22 gennaio 2002
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 30 dei mesi dispari


Abbonati a Scelgo io
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
Scelgo io su iPad e iPhone

Torna indietro
6/2016 dicembre | pagina 24

In cucina mi rifaccio il look
Alcuni ingredienti naturali possono schiarire o scurire i capelli senza rovinarli

Le tinture chimiche sfibrano i capelli rendendoli fragili. Scelgo io vi svela i trucchi per cambiare colore in modo naturale non aggredendoli.

I figli dei fiori sapevano come fare: indossavano un cappello di paglia e con l'uncinetto facevano passare ciocche di capelli dai forellini e le bagnavano con il succo di limone. In questo modo al sole le ciocche si schiarivano.

«Il succo di limone reagisce con la sostanza che dà il colore ai capelli e togliendo i pigmenti», spiega Günther Hofbauer, dermatologo dell'ospedale universitario di Zurigo.

Ci sono parrucchiere che lavorano con sostanze naturali come l'appenzellese Edith Ulmann. Uno dei suoi consigli è di aggiungere al succo di limone un po' di olio d'oliva e sciacquare dopo una o due ore.

I capelli biondi sono più reattivi
A differenza dei prodotti naturali, quelli chimici rovinano molto la chioma. L'ammoniaca apre la struttura del capello e l'acqua ossigenata distrugge i pigmenti di colore naturali al suo interno.

Come alternativa al limone, Ulmann suggerisce di schiarire i capelli con la camomilla, che è curativa e dona lucentezza. Va versata in un nebulizzatore e spruzzata prima di esporsi al sole.

Anche il miele, la cannella e la radice di rabarbaro sono schiarenti. Basta distribuire gli ingredienti sui capelli, avvolgere la testa con una pellicola per alimenti e lasciar agire un paio d'ore.

«Sui capelli biondi l'effetto è molto più forte che su quelli castani», spiega Ulmann. Gli schiarenti naturali modificano i pigmenti di colore, però agiscono molto più delicatamente dell'acqua ossigenata e danneggiano meno la struttura del capello. L'effetto dura diversi mesi.

Con i metodi casalinghi si possono anche dare nuovi toni di colore. Per esempio, un infuso di gusci di noce o di caffè dà ai capelli un bel tono bruno brillante. Il rosso naturale diventa, invece, più intenso con una maschera di barbabietole e miele. Il succo di mirtillo rosso dona un leggero tono rossastro.

Con i prodotti naturali bisogna però avere molta pazienza. «L'effetto diventa visibile solo dopo tre-cinque applicazioni e non è molto forte», sottolinea Hofbauer. E vanno usati regolarmente.
Dopo una colorazione di questo tipo, i capelli andrebbero risciacquati con aceto diluito in acqua (in proporzione 1:10) aggiungendo qualche goccia di olio di sesamo.

Ulmann usa sulle sue clienti colori estratti da fiori, radici, frutta e cortecce macinate.

«Tingere i capelli con coloranti naturali è come dipingere ad acquerello», spiega la parrucchiera. «I colori sono meno coprenti di quelli sintetici e hanno un aspetto più naturale».
Diversamente da quanto avviene con lo decolorazione, con la tinta i coloranti si fissano attorno al capello.

Meglio usare shampoo senza siliconi
Per migliorare l'efficacia dei coloranti casalinghi, si dovrebbero usare shampoo senza silicone. Questo, infatti, si attacca al capello e rende più difficile l'aderenza di un colorante naturale. I produttori come Farfalla, Lavera o Weleda offrono shampoo privi di silicone, che però a flacone costano circa ben dieci franchi.

Le vacanze sono un'ottima occasione per cambiare look a costo zero: l'acqua salata e il sole sono due schiarenti naturali molto potenti. Per evitare che i capelli si indeboliscano si può aggiungere un cucchiaio di olio di jojoba allo shampoo o fare un risciacquo con tè verde. Proprio come facevano gli hippy.


Due ricette per cambiare colore

Risciacquo di camomilla (schiarisce)

- 5 dl d'acqua
- 6 bustine camomilla o 3 cucchiai di fiori di camomilla

Portare l'acqua a ebollizione e aggiungervi la camomilla. Lasciare in infusione per 30 minuti, scolare o togliere le bustine. Versare l'infuso tiepido sui capelli e massaggiare con le dita e lasciar asciugare al sole.


Risciacquo di tè nero (scurisce)

- 3 cucchiai di tè nero
- 3 dl d'acqua

Portare l'acqua a ebollizione e lasciare in infusione per almeno 30 minuti. Scolarlo, versare in modo omogeneo l'infuso sui capelli e massaggiare. Dopo 30 minuti sciacquare abbondantemente con acqua tiepida.

Luzia Mattmann, Gesundheitstipp
Michela Salvi, Scelgo io

Impressum Design by VirtusWeb