HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
Scelgo io
Edizione: 6/2016 dicembre

Nome: Scelgo io
Nato il: 22 gennaio 2002
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 30 dei mesi dispari


Abbonati a Scelgo io
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
Scelgo io su iPad e iPhone

Torna indietro
6/2016 dicembre | pagina 1

Con i tattoo rischi la pelle
I tatuaggi sono sempre più di gran moda, basta guardarsi attorno per capirlo. Dagli amici ai colleghi, dagli sportivi alle star del cinema e della tivù. Ieri ci si tatuava una stellina, oggi si ostentano tattoo enormi. Per molti la pelle è come un foglio di carta: ci si può disegnare di tutto. La differenza è che al foglio non si fa del male, alla pelle sì.

I danni nel lungo periodo non sono ancora ben noti, lo sono invece quelli nel breve termine. Se il tatuatore non rispetta le norme igieniche, si rischia di contrarre un'infezione, nel peggiore dei casi l'epatite o l'Aids. I colori possono provocare allergie ed essere cancerogeni, se contengono determinati idrocarburi policiclici aromatici, additivi o metalli pesanti tossici.

L'Associazione dei chimici cantonali svizzeri analizza regolarmente gli inchiostri per tatuaggi e trucco permanente presenti sul mercato. I prodotti pericolosi vengono proibiti e inseriti in un elenco pubblicato dall'Ufficio federale della sicurezza alimentare e di veterinaria(1). Nel 2014, su duecento campioni analizzati, più della metà non era conforme.

Ma allora come può preservare la propria salute chi decide di farsi tatuare? In Svizzera la formazione di tatuatore non è né disciplinata né riconosciuta. Per aprire un'attività non serve un'autorizzazione particolare. Sono però richiesti, per esempio, un controllo sugli inchiostri, l'utilizzo di apparecchi e strumenti sterili monouso e una buona prassi di lavoro. Nella scelta del tatuatore va quindi verificato che il suo studio dia l'impressione di essere pulito e ben curato e che vengano fornite informazioni sui colori usati e sul post-tattoo. Anche il passaparola, i social e le associazioni di settore(2) possono essere d'aiuto.

Un tatuaggio dovrebbe essere per sempre. Ma se dopo qualche tempo si cambia idea? Il metodo più usato per cancellarlo è il laser. La procedura, piuttosto lunga, non è una passeggiata: può essere dolorosa, provocare reazioni allergiche, lasciare cicatrici e causare la formazione di prodotti tossici nel corpo. Alcuni colori, come il rosso e il giallo, sono persino difficili da cancellare. Anche il costo non è irrilevante: da centinaia a migliaia di franchi, a dipendenza della grandezza.

La decisione di tatuarsi va dunque ponderata e non presa alla leggera per seguire la moda. Perché in gioco c'è la pelle.

Antonella Sicurello

(1)tiny.cc/piercing-tatuaggi
(2)swiss.tattoo.ch, piercerverband.ch, permanentmakeup-verband.ch

Legislazione: tiny.cc/ordinanza-oggetti, tiny.cc/ordinanza-cosmetici

tiny.cc/piercing-tatuaggi
swiss.tattoo.ch
tiny.cc/ordinanza-oggetti

Impressum Design by VirtusWeb