HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
Scelgo io
Edizione: 1/2017 febbraio

Nome: Scelgo io
Nato il: 22 gennaio 2002
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 30 dei mesi dispari


Abbonati a Scelgo io
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
Scelgo io su iPad e iPhone

Torna indietro
1/2017 febbraio | pagina 15

Yoga, un pieno di energia
Respirazione e consapevolezza: otto stili a confronto

Elimina lo stress, dona agilità al corpo e previene l'Alzheimer. Scelgo io spiega come orientarsi tra le pratiche di yoga.

Lo yoga rilassa perché insegna la respirazione profonda e regolare. «Il messaggio trasmesso al sistema nervoso è: nessun pericolo, corpo e psiche possono rilassarsi», spiega Margareta Stühl, fondatrice del Centro svizzero di yoga. «La respirazione addominale elimina lo stress», conferma Susanna Bischoff, medico sportivo presso la SportClinic di Zurigo. Alcuni studi dimostrano come lo yoga mantenga cuore e circolazione in buona salute e contribuisca a prevenire l'Alzheimer.

L'Hatha yoga è il punto di partenza
La rivista Gesundheitstipp ha confrontato otto tipi di yoga valutando i benefici per la salute, soprattutto per mobilità, resistenza e forza. Pur essendo diversi tra loro, gli stili di yoga hanno un'origine comune: lo Hatha yoga. Una lezione tipo include piegamenti in avanti e indietro, esercizi di equilibrio, torsioni e posizioni a testa in giù. Si tratta di una pratica lenta adatta ai principianti.

Per un allenamento più fisico, c'è l'Ashtanga yoga che comprende l'esecuzione di sei serie di esercizi di difficoltà crescente per allenare resistenza e muscolatura.

Il Bikram yoga prevede la pratica di 26 posizioni in un locale riscaldato tra 38 e 40 gradi. Il caldo favorisce l'allungamento dei muscoli e provoca un'abbondante sudorazione che eliminerebbe le tossine. Il medico sportivo Walter Frey di Balgrist Movemed non è d'accordo. «Il sudore rinfresca il corpo ma non elimina le tossine», afferma. Per contro, la perdita di liquidi e sali potrebbe causare disturbi cardiocircolatori. Chi ha problemi cardiaci o di pressione non dovrebbe praticare lo Bikram yoga.

Per chi ama le novità c'è lo yoga con l'amaca
Chi nello yoga cerca esercizio fisico e rilassamento si troverà bene con il Fascia yoga, che comprende molti esercizi di stiramento, svolti con uno speciale rullo.
«L'allenamento combinato tra Fascia yoga e stiramenti ha un effetto positivo sulla muscolatura e sul tessuto connettivo», concorda Walter Frey.

Chi è più aperto alle sperimentazioni può provare l'Aerial yoga. Grazie a un'amaca appesa al soffitto, alleggerisce il carico sulla colonna vertebrale e i dischi intervertebrali, e permette anche ai principianti di gestire posizioni difficili.

Indipendentemente dallo stile di yoga scelto, l'importante è ascoltare il proprio corpo. Margareta Stühl consiglia di non sforzarsi di assumere una determinata posizione e di non fare confronti con gli altri.

«Bisogna fare quello che ci si sente, concedendosi ogni tanto una pausa», dice. I benefici dello yoga non derivano dall'aver assunto una certa posizione, ma dalla concentrazione del lavoro su sé stessi, il proprio corpo e la respirazione.

Anche nella pratica dello yoga una sollecitazione eccessiva può causare danni. «Chi svolge gli esercizi senza attenzione rischia di procurarsi lesioni a legamenti e articolazioni», mette in guardia Susanna Bischoff.

Sia l'Associazione svizzera dello yoga che Yoga Svizzera offrono aiuto per trovare un insegnante. I maestri migliori sono quelli formati secondo le direttive dell'Unione europea dello yoga.


Cercate un maestro qualificato

- Provate diversi stili di yoga.

- Cercate un maestro tramite l'Associazione svizzera dello yoga (swissyoga.ch) o Yoga Svizzera (yoga.ch).

- Informate il maestro di problemi fisici o punti deboli.

- Dopo i pasti aspettate almeno un'ora e mezza prima di praticare lo yoga.

- Ascoltate il vostro corpo e non sovraffaticatevi.

- Non fate confronti con gli altri.

- Se siete alle prime armi, evitate esercizi che mettono a dura prova ginocchia, nuca o la parte bassa della schiena. Attenzione soprattutto alla posizione del loto o nello stand sulle spalle.


Cordelia Kreft, Gesundheitstipp
Luisa Fullin, Scelgo io


Impressum Design by VirtusWeb