HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
Scelgo io
Edizione: 1/2017 febbraio

Nome: Scelgo io
Nato il: 22 gennaio 2002
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 30 dei mesi dispari


Abbonati a Scelgo io
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
Scelgo io su iPad e iPhone

Torna indietro
1/2017 febbraio | pagina 2

Ma quale giovinezza!
Secondo la pubblicità, il frullatore Nutribullet contrasta il processo d'invecchiamento estraendo nutrienti da frutta e verdura. Gli esperti sono scettici.

Il produttore di Nutribullet sostiene che l'apparecchio contrasta l'età che avanza estraendo nutrienti nascosti da frutta, verdura e noci. Frullandoli, il corpo assimilerebbe più facilmente queste importanti sostanze.
A dipendenza del modello, un set Nutribullet costa da 60 a 300 franchi.

Il medico David Fäh, specialista in nutrizione dell'Università delle scienze applicate di Berna, mette in dubbio queste affermazioni pubblicitarie.

«Frullando gli alimenti si perdono sostanze nutritive», contesta Fäh. Motivo: sminuzzando il cibo, aumenta la superficie esposta ad agenti esterni, quali aria luce e calore. Inoltre un pasto in forma liquida sazia meno. Fäh consiglia frutta e verdura fresche, stagionali e locali da consumare intere.



Paracetamolo pericoloso per il bebè

Finora l'assunzione di paracetamolo in gravidanza era considerata innocua. Un nuovo studio svolto in Spagna su più di 2'600 mamme e bambini fino al quinto anno di vita solleva però alcuni dubbi. Più la futura mamma aveva assunto paracetamolo, più aumentava il rischio che il bimbo fosse affetto da autismo o sindrome da deficit di attenzione e iperattività (Adhs). I ricercatori ipotizzano che il principio attivo, contenuto in farmaci come il Panadol o Dafalgan, possa danneggiare lo sviluppo del sistema nervoso.



Muoviti contro i dolori

Chi soffre spesso di mal di schiena dovrebbe fare più moto. Secondo i medici della Clinica universitaria di Colonia (Germania) la ginnastica e il regolare movimento quotidiano sono gli unici rimedi efficaci a lungo termine. I ricercatori hanno analizzato i dati di oltre 4 mila studi. Con tutte le altre terapie, come l'agopuntura, i massaggi, la termoterapia o la stimolazione elettrica dei nervi, l'utilità non sarebbe dimostrata.



Cherimoya: semi velenosi

Il frutto tropicale cherimoya, noto anche come cherimola o cirimoia, sta conquistando i grandi distributori. È particolarmente apprezzato nelle bibite mixate come gli smoothies. Ma attenzione: i suoi semi sono velenosi. Nel sito internet, il centro di consulenza Tox Info Suisse mette in guardia i consumatori. Masticati o pureizzati (i semi) possono causare mal di pancia e vomito. Per questo bisognerebbe sempre toglierli dalla polpa.


______________________________________

Gluten free: le diciture non sono inutili

Non ha lattosio! Ma va? (Scelgo io, dicembre 2016).

La vostra leggerezza nel trattare il tema mi ha lasciata basita. Per i celiaci è di vitale importanza la dicitura gluten free anche sui prodotti che di base non lo contengono. Questo perché si deve assicurare che non siano stati lavorati in un luogo a rischio contaminazione.

Il glutine contenuto nelle farine classiche si trasmette in maniera subdola: basta soffiarne in giro un po' come lo zucchero a velo per incorrere nel contagio.

C.R.,
Locarno



Impressum Design by VirtusWeb