HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
Scelgo io
Edizione: 1/2017 febbraio

Nome: Scelgo io
Nato il: 22 gennaio 2002
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 30 dei mesi dispari


Abbonati a Scelgo io
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
Scelgo io su iPad e iPhone

Torna indietro
1/2017 febbraio | pagina 29

Pastiglie effervescenti a rischio ictus
Alcune compresse effervescenti contengono troppo sodio che aumenta il rischio di ictus e infarto. Lo dimostra un test.

Vari studi hanno rivelato che un eccesso di sodio aumenta i casi di ictus e infarti cardiaci. I produttori lo mischiano alle compresse effervescenti per accelerarne lo scioglimento.

La rivista austriaca Konsument ha esaminato le pastiglie in laboratorio. Risultati: in ogni compressa di Broncoverde effervescenti contro la tosse sono stati misurati 0,64 grammi di sodio. Ne basta una per superare il fabbisogno giornaliero. Anche Aspirin+C e Alka-Seltzer contengono molto sodio: con la dose massima giornaliera si supera di 1,5 - 2,5 volte il limite consigliato dai medici.

Secondo Sidroga, produttrice di Broncoverde, la sostanza non dev'essere assunta per pił di una settimana. Non vi sarebbe dunque un aumento del rischio. Bayer, produttrice di Aspirin+C e Alka-Seltzer, le consiglia per al massimo tre giorni.

Impressum Design by VirtusWeb