HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
Scelgo io
Edizione: 2/2017 aprile

Nome: Scelgo io
Nato il: 22 gennaio 2002
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 30 dei mesi dispari


Abbonati a Scelgo io
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
Scelgo io su iPad e iPhone

Torna indietro
2/2017 aprile | pagina 14

Molta paura per quasi nulla
Nei bambini la febbre alta è spesso innocua

Quando ai bimbi la temperatura sale, i genitori si spaventano, ma se i piccoli hanno più di un anno, in genere non c'è motivo di preoccuparsi, bastano alcuni semplici rimedi casalinghi.

Il piccolo Tommaso ha spesso la febbre. «Gli sale in fretta, a volte fino a 40 gradi», racconta Isabella, la mamma. La donna allora gli applica impacchi rinfrescanti, lo fa bere molto e osserva con attenzione come sta; «Chiamo il pediatra solo se dopo un giorno non migliora».

«La febbre non è una malattia, bensì una sana strategia difensiva del corpo», conferma Peter Respondek, medico di famiglia. Inibisce la proliferazione di virus e batteri e stimola la produzione di anticorpi. Se il bambinio beve, reagisce agli stimoli e dorme bene, i farmaci non servono.

La dottoressa Stephanie Wolff consiglia farmaci febbrifughi se la febbre sale molto in fretta, per evitare convulsioni. Durante queste crisi, i bimbi possono roteare gli occhi, scuotere gli arti e perdere conoscenza. Sono impressionanti, in genere però spariscono in pochi minuti senza causare danni.

Per i bebè è diverso, perché le infezioni si diffondono più velocemente. «Nel primo anno di vita, in caso di febbre si dovrebbe sempre contattare il pediatra», avverte Michael Seefried, pediatra.

Seefried consiglia rimedi omeopatici come Infludoron globuli o Ferrum phosphoricum. L'importante è che i bambini bevano molto. Per il pediatra non ci sono dubbi che «i bambini con la febbre devono stare a casa anche uno o due giorni dopo la guarigione».

I consigli

Il trucco della calza con aceto

- Bere acqua, tè non dolcificato o succo di frutta diluito.

- Inumidite due panni con acqua a 20°C e avvolgeteli attorno ai polpacci coprendoli con un panno asciutto.

- Immergete un paio di calzini di lana in acqua e aceto (¼ aceto, ¾ acqua) e strizzateli. Fate indossare le calzine al bimbo e poi mettetegli sopra un altro paio di calzine asciutte.

- Gli impacchi ai polpacci e le calze all'aceto vanno applicati solo se mani e piedi del bimbo sono caldi, altrimenti fanno salire la febbre. Togliere impacchi e calze dopo 15-20 minuti.

Andreas Gossweiler, Gesundheitstipp
Michela Salvi, Scelgo io

Impressum Design by VirtusWeb