HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
Scelgo io
Edizione: 2/2017 aprile

Nome: Scelgo io
Nato il: 22 gennaio 2002
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 30 dei mesi dispari


Abbonati a Scelgo io
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
Scelgo io su iPad e iPhone

Torna indietro
2/2017 aprile | pagina 31

In casa anziani per forza?
«Ho 90 anni e vivo sola perché sono ancora in forma. I miei figli vorrebbero farmi ricoverare in una casa per anziani. Possono farlo contro la mia volontà?».

No. Il ricovero a scopo di assistenza potrebbe essere imposto solo dall'autorità di protezione degli adulti.

Un ricovero in casa per anziani o di cure è ammissibile quando una persona non è più in grado di occuparsi di se stessa e non è possibile fornire le cure e l'assistenza necessarie in altro modo, per esempio tramite Spitex.


Complementari: è ok il contratto pluriennale?

«Ho sottoscritto alcune assicurazioni complementari con la stessa cassa malati. Se prolungo il contratto per tre anni, avrò diritto ogni anno a uno sconto sul premio. Mi conviene accettare la proposta della cassa?».

Per principio, i contratti assicurativi pluriennali sono svantaggiosi per gli assicurati. Chi si impegna per un periodo prolungato perde la possibilità di cambiare rapidamente assicurazione se vi sono alternative migliori.

La regola non è però sempre applicabile nel caso delle complementari di cassa malati. Chi ha pagato un'assicurazione per anni ed è convinto di usare il prodotto anche in futuro può senz'altro impegnarsi per tre anni e ottenere lo sconto fedeltà.

Questo vale, in particolare, per gli anziani e per chi non gode di buona salute, perché comunque non potranno cambiare assicurazione complementare.


L'intervento fuori cantone è rimborsato?

«Mi sono sottoposta a un intervento alla schiena. L'operazione è stata svolta in un ospedale di Zurigo e non nel mio cantone di domicilio (Berna). La cassa malati rifiuta di rimborsarmi integralmente i costi. Deve pagare lo stesso?».

No. Nell'assicurazione di base, la cassa deve pagare i costi delle cure secondo la tariffa bernese. Se questa non arriva a coprire i costi dell'ospedale zurighese, lei dovrà pagare la differenza di tasca sua, sempre che non abbia un'assicurazione complementare per le cure ospedaliere in tutta la Svizzera.

Eccezione: l'assicurazione di base dovrebbe assumere i costi integrali dell'ospedalizzazione a Zurigo se nessuno degli ospedali nella lista di Berna potesse svolgere l'intervento, oppure se è stata ricoverata a Zurigo d'urgenza.


Appunti illeggibili: il medico fattura la trascrizione?

«Ho avuto la cartella clinica dal medico di famiglia. Purtroppo la sua grafia per me è illeggibile. Ora vuole trascrivere i suoi appunti solo a pagamento. Ha ragione?».

Dipende. Le annotazioni importanti riferite alle cure fanno parte dell'anamnesi personale. Questa dev'essere consegnata dal medico in forma leggibile.

Per contro, lei non può pretendere che il medico trascriva gratuitamente gli appunti personali. Per legge, il paziente non ha diritto a prenderne visione.


Scala bernese: fino a quando sono pagato?

«Sono nella stessa azienda da quasi due anni. Da un mese sono abile al lavoro solo al 50%. In caso di malattia, il mio contratto prevede il pagamento del salario secondo la scala bernese. Ho diritto da subito solo a metà salario?».

No. Secondo la scala bernese, in caso di malattia un dipendente al secondo anno di servizio ha diritto all'intero salario per un solo mese.

In presenza di inabilità parziale, però, il diritto al salario si prolunga in modo proporzionale. Nel suo caso, di un altro mese.

Impressum Design by VirtusWeb