HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
Spendere Meglio
Edizione: 3/2017 giugno

Nome: Spendere Meglio
Nato il: 7 febbraio 1996
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 20 dei mesi pari


Abbonati a Spendere Meglio
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
Spendere Meglio su iPhone

Torna indietro
3/2017 giugno | pagina 16

Con il ciclo faccio i conti
Tutti i prodotti testati assorbono bene il flusso mestruale, ma alcuni non proteggono dall’umidità. Anche i meno cari sono di qualità

Un terzo degli assorbenti igienici non trattiene a sufficienza l’umidità. Quelli a basso costo sono sicuri e svolgono bene la loro funzione.

La rivista per consumatori K-Tipp ha testato la sicurezza degli assorbenti più venduti con l’ausilio di manichini. Gli esperti hanno verificato se i prodotti contengono sostanze pericolose. In tutti i test pratici è stato usato un fluido mestruale artificiale.

Dei 14 prodotti sottoposti al test, undici erano ultrasottili e tre leggermente più spessi. Questi ultimi costano 4 centesimi al pezzo e sono molto più economici degli assorbenti ultrasottili, il cui prezzo varia da 9 a 28 centesimi.

Risultato: tutti i prodotti assorbono facilmente fino a 15 grammi di liquido. Chi vuole spendere poco e non ha problemi se l’assorbente è un po’ più spesso può acquistare quelli a basso costo. Quattro prodotti hanno ottenuto un giudizio globale molto buono: tre sono ultrasottili e uno più spesso.

Ottimo assorbimento grazie ai granellini
Aprendo gli assorbenti si capisce perché raggiungano valori simili nel criterio dell’assorbimento: quasi tutti contengono gli stessi granellini di plastica bianca capaci di assorbire grandi quantità di liquido. A contatto con il liquido, la polvere si trasforma in gel. In questo modo il liquido rimane legato all’interno dell’assorbente anche sotto pressione, quando la donna è seduta. Granuli simili sono usati anche nei pannolini e nei prodotti per l’incontinenza.

L’alternativa naturale al granulato sintetico è l’amido, presente negli assorbenti bio di Natracare. L’assorbimento funziona altrettanto bene sia con i prodotti ecologici sia con il granulato plastico. Sotto pressione, però, gli assorbenti Natracare rilasciano molta più umidità. Inoltre, in questi assorbenti il liquido si distribuisce in modo non uniforme. Il produttore sostiene di aver rinunciato all’uso della plastica per non compromettere la salute e l’ambiente.

Trovate poche sostanze
problematiche
Anche altri quattro assorbenti ultrasottili hanno ottenuto note insufficienti nella capacità di proteggere dall’umidità.

Lidl commenta che l’assorbente Siempre non ha mai dato adito a reclami da parte delle clienti e si sorprende del cattivo risultato del test.

La nota positiva è che i materiali contengono poche sostanze problematiche e in nessun prodotto sono state trovate formaldeide e sostanze ignifughe (vedi “I criteri del test”).

II laboratorio non ha rilevato quantità anomale di batteri, ma ha trovato tracce di composti organoalogenati. Alcune di queste sostanze chimiche possono contaminare l’ambiente o causare allergie. Alcune sono sospettate di essere cancerogene, altre sono innocue.

Nella valutazione degli assorbenti è stata applicata una detrazione di 0,2 punti ai prodotti contenenti più di un milligrammo di composti organoalogenati al chilo e di 0,1 punti per quantità minori.


I criteri del test

Due laboratori specializzati in Austria e Francia hanno esaminato 14 assorbenti con capacità di assorbimento normale: 11 ultrasottili e 3 più spessi. Le analisi sono state eseguite con metodi chimici e fisici. La capacità di assorbimento e la perdita di liquidi sono state verificate usando un manichino in posizione seduta.

- Capacità di assorbimento
È stata misurata la quantità di liquido assorbibile. Si è valutato se l’assorbimento è omogeneo e se il liquido può fuoriuscire.

- Protezione dall’umidità
È stato valutato quanto liquido è trattenuto dagli assorbenti e quanto è rilasciato sotto pressione in posizione seduta.

- Sostanze problematiche
Sono state ricercate sostanze pericolose quali formaldeide, composti organoalogenati e sostanze ignifughe. La formaldeide può causare allergie, irritare la pelle ed essere cancerogena. Nel gruppo delle sostanze dei composti organoalogenati ce ne sono molte che inquinano l’ambiente e parecchie sono considerate allergeniche e cancerogene. Ne fanno parte bromo, iodio e cloro. Le sostanze ignifughe sono spesso usate in plastica e tessuti, si accumulano nell’ambiente e sono state trovate anche nel latte materno. Gli esperimenti sugli animali hanno dimostrato che alcune sostanze possono danneggiare nervi, tiroide e fegato, altre possono causare allergie e influire negativamente sulla capacità riproduttiva.

- Contaminazione batterica
Gli assorbenti nuovi sono stati analizzati alla ricerca di potenziali agenti patogeni quale il fungo Candida albicans.


Mani sempre pulite per prevenire le infezioni vaginali

Assorbenti, tamponi, coppette o spugnette mestruali: ogni prodotto ha i suoi pro e contro. Ecco quali.
Gli articoli igienici non devono essere né complicati da usare né scomodi da indossare. E soprattutto non devono provocare irritazioni. Bisogna cambiarli, rispettivamente lavarli, almeno ogni otto ore. Le mani vanno sciacquate bene prima di usare l’assorbente, per prevenire le infezioni vaginali.

- Assorbenti
Sono facili da usare, ma spesso sono prodotti con materiali sintetici. Le sostanze chimiche possono irritare la mucosa. Si può avere anche una sgradevole sensazione quando gli assorbenti sono molto impregnati di sangue.

- Tamponi
Pratici e quasi impercettibili all’uso. Ma l’ovatta può asciugare il rivestimento mucoso sensibile della vagina, causando bruciore e prurito.

- Coppetta mestruale
Riutilizzabile, non influisce sull’ambiente naturale della vagina. Non è molto adatta all’uso quotidiano, perché l’inserimento e l’estrazione richiedono una certa pratica. Il contenitore di raccolta in silicone deve essere lavato più volte al giorno.

- Spugnette mestruali
Non molto pratiche perché devono essere lavate più volte al giorno. Attraverso il materiale poroso possono favorire la diffusione di germi patogeni.

Andreas Schildknecht, K-Tipp
Andrea Martino-Fürst, Spendere Meglio


Impressum Design by VirtusWeb