HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
Spendere Meglio
Edizione: 3/2017 giugno

Nome: Spendere Meglio
Nato il: 7 febbraio 1996
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 20 dei mesi pari


Abbonati a Spendere Meglio
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
Spendere Meglio su iPhone

Torna indietro
3/2017 giugno | pagina 2

Nespresso: che salasso!
Sempre più caro il caffè Nespresso: la nuova edizione limitata lanciata sul mercato costa 62 centesimi a capsula.

I prezzi delle capsule di caffè Nespresso sono da sempre molto alti. In media, per una capsula, dunque per una tazza di caffè, si spendono 57 centesimi.

Da Denner una capsula costa 28,8 centesimi. Da Aldi, Lidl e Coop si parte da un prezzo di 17,5 centesimi, da Migros di 17,8 centesimi.

Ma ora Nestlé si è superata: l’espresso Selection Vintage 2011 è venduto a 62 centesimi a capsula. Motivo: il caffè si contraddistinguerebbe per avere «audaci note legnose» e corposità. I chicchi raccolti in Colombia sarebbero il risultato di «sei anni di meticolose attenzioni».



Ffs: sconti alle aziende

Le aziende possono acquistare l’abbonamento metà prezzo scontato per i propri dipendenti. Basta registrarsi.

L’abbonamento Ffs metà prezzo è disponibile unicamente in forma di Swisspass e soltanto per una durata massima di un anno al costo di fr. 185.- (rinnovo fr. 165.-).

C’è però una scappatoia per acquistarlo a un prezzo più basso: fino a dicembre 2017 i dipendenti dei clienti aziendali Ffs possono acquistare la tessera blu da 3 anni al vecchio prezzo. Costa 450 franchi, quindi i vecchi clienti risparmiano fr. 45.- rispetto all’abbonamento metà prezzo annuale.

La data di scadenza è stampata sull’abbonamento, che non è prolungabile.

Secondo le Ffs, i clienti aziendali sono più di 10 mila. Chi non lo è ancora può registrarsi e ordinare l’abbonamento metà prezzo da tre anni per i propri dipendenti.

tiny.cc/clienti-aziendali


________

«La soluzione va trovata con il buon senso»

Il mio cane fa danni al vicino: devo risponderne io? (Spendere Meglio, aprile 2017).

Per amore dell’animale, personalmente cercherei di trovare una soluzione con la persona danneggiata se questa può provare in modo plausibile che il colpevole è il mio gatto.

Mi appellerei invece alla legge quando il micio non rincasa e nessuno dice di averlo visto.

Ci sono norme che non tengono in considerazione la logica, quindi ogni tanto lasciamole perdere e agiamo con il buon senso.

Franco Crivelli, Coldrerio



Billag: si paga pure se si usano le app gratuite

Tivù al computer: si deve versare la tassa Billag? (Spendere Meglio, febbraio 2017).

È errato dire che si deve pagare il canone Billag solo se si è stipulato un abbonamento con un fornitore di programmi.

La tassa va versata pure se si scaricano applicazioni gratuite come play Rsi - per cui non è nemmeno necessario registrarsi per vedere i programmi live - oppure Zatoo.

Questo vale anche, per esempio, per le app radiofoniche (Rsi, Swisspop, Deejay, Rds eccetera).

Deduco quindi che chiunque possegga uno smartphone e utilizza app radiofoniche o tivù, o semplicemente le ha scaricate, è tenuto alla notifica e al successivo pagamento del canone.

Geo Baumgartner, Chiasso



Disinfestazione, la risposta di Bitis

Disinfestazione a peso d’oro (Spendere Meglio, aprile 2017).

L’intervento del 2015 è stato complesso con grossi formicai. Il cliente ha firmato il rapporto e per undici mesi non abbiamo più avuto notizie, segno che il problema era stato risolto. La garanzia si applica solo ai formicai esistenti. Il rischio di una nuova infestazione è elevato perché ogni anno le formiche regine si accoppiano e formano nuove colonie. Sui formicai del 2016 la garanzia è quindi esclusa.

Per evitare che i prodotti danneggino l’ambiente (animali, acque e terreno), la loro efficacia è limitata a pochi mesi.

Dario Cattaneo, Bitis disinfestazioni, Lugano

______


In enoteca si bevono troppe “t”

Sulla vetrina del loro ex-negozio, i proprietari dell’enoteca Paradiso hanno annunciato a caratteri cubitali il trasferimento a Lamone. Probabilmente lo avranno fatto tra una degustazione e l’altra e con la parola “Trasloco” che rimbombava nella testa, perché si sono lasciati scappare una “t” di troppo. «Ci trasferiTamo», hanno scritto. E noi gli facciamo tanti augurTi, hic…

Grazie ad Assunta Sabblone di Paradiso per la segnalazione.

Un errore nella pubblicità vi ha fatto sorridere? Scrivete a: lettori@spenderemeglio.ch.

Rubrica: Spubblicità
tiny.cc/clienti-aziendali

Impressum Design by VirtusWeb