HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
Spendere Meglio
Edizione: 3/2017 giugno

Nome: Spendere Meglio
Nato il: 7 febbraio 1996
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 20 dei mesi pari


Abbonati a Spendere Meglio
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
Spendere Meglio su iPhone

Torna indietro
3/2017 giugno | pagina 0

Biscotti svizzeri, il risparmio è all’estero
Alcuni prodotti svizzeri costano meno in Germania. Grazie alle sovvenzioni sul cioccolato, i produttori riescono a tenere più bassi i prezzi all’estero.

In Germania, Edeka vende i biscotti Kambly primavera a fr. 4.60. In Svizzera, da Coop si devono sborsare fr. 8.50, da Spar Express fr. 9.20, oltre il doppio.

Da Edeka, sono in vendita anche i biscotti alle mandorle a fr. 2.12. Sul retro della confezione si scopre che sono prodotti dalla filiale Migros Midor di Meilen (Zurigo). In Svizzera sono venduti sotto il marchio interno Créa d’Or a fr. 3.80, cioè l’80% in più.

Per Migros, la differenza dipende pure dagli ingredienti: i biscotti per la Svizzera conterrebbero il 20% di mandorle in più. Secondo l’elenco degli ingredienti, hanno il 22% di mandorle, in Germania il 16%.

Anche i prezzi dei prodotti Alnatura sono più bassi all’estero. In Svizzera i biscotti al burro con cioccolato costano circa il 40% in più che da Alnatura in Germania. Tutti sono prodotti in Svizzera. Per Migros, la differenza dipende dai dazi: i biscotti sarebbero prima esportati in un deposito in Germania e poi reimportati in Svizzera.

Negli scaffali tedeschi c’è anche cioccolato Coop: Rewe vende quello bio alle noci con etichetta Fairtrade a fr. 1.60. In Svizzera quello alle noci bio di Naturaplan costa fr. 2.20.

Coop sostiene che il cioccolato per il mercato svizzero contiene più materie prime pregiate. Inoltre, in Svizzera le tasse per l’etichetta Max Havelaar sarebbero più elevate di quelle tedesche per Fairtrade.

Nell’ambito della cosiddetta legge sul cioccolato, i contribuenti sostengono con ben 94,6 milioni di franchi all’anno l’esportazione di prodotti quali cioccolato e biscotti, se contengono latte o cereali svizzeri.

Le aziende interpellate rispondono di poter vendere all’estero a prezzi più economici grazie alle sovvenzioni della legge sul cioccolato. Nel 2016 la maggior parte dei fondi è finita nelle tasche di Nestlé, Mondelez, Hochdorf Swiss Nutrition e Lindt & Sprüngli.

Cordilia Kraft, K-Tipp
Silvia Mossi, Spendere Meglio

Impressum Design by VirtusWeb