HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
Scelgo io
Edizione: 4/2017 agosto

Nome: Scelgo io
Nato il: 22 gennaio 2002
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 30 dei mesi dispari


Abbonati a Scelgo io
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
Scelgo io su iPad e iPhone

Torna indietro
4/2017 agosto | pagina 25

Il business delle infusioni
Cifre milionarie dietro prescrizioni spesso discutibili

Sempre più spesso i medici somministrano farmaci anche quando non ve ne sarebbe bisogno.

Secondo l'associazione delle casse malati Santésuisse, l'anno scorso i medici svizzeri hanno prescritto il 70% di infusioni di ferro in più che nel 2010. Nel 2016, per poco meno di 195 mila infusioni, le casse malati hanno speso 51 milioni di franchi.

In Svizzera, percentualmente, il tasso delle prescrizioni è nettamente superiore a quello dei Paesi vicini.

Secondo l'Organizzazione mondiale della sanità (Oms), un valore di ferritina inferiore a 15 nanogrammi al litro indica carenza di ferro. Molti medici svizzeri prescrivono infusioni anche a valori nettamente superiori.

Il sito internet check-dein-eisen.ch, letteralmente: controlla il tuo ferro, consiglia una terapia alle persone con «valori molto bassi o bassi» di ferritina, tra 15 e 50 nanogrammi al litro. Il sito è gestito da Vifor Pharma di Glattbrugg (Zurigo). I suoi prodotti Ferinject e Venofer sono gli unici omologati in Svizzera (vedi riquadro).

Etzel Gysling, medico e editore della rivista Pharma-Kritik, ritiene che i valori indicati siano troppo alti: «Si tratta solo di affari».

Di certo c'è che le infusioni di ferro possono mettere a rischio la vita. Nel 2013, Swissmedic metteva in guardia da «reazioni d'ipersensibilità che in alcuni casi hanno avuto esito letale». Da allora, l'infusione di 30 minuti deve essere sorvegliata da uno specialista. Dal 2014 al 2016 Swissmedic ha registrato altri 466 casi sospetti di effetti collaterali, 286 dei quali gravi.

Casse malati alla cassa
Per i medici le infusioni sono un affare. Nel 2018 l'Ufficio federale della sanità valuterà se le iniezioni di ferro devono continuare a essere pagate dalle casse malati.


Salute in formato sponsor

Dietro il boom elvetico del ferro c'è Vifor Pharma, del gruppo Galenica. Nel 2015 ha investito oltre 1,5 milioni di franchi in «specializzazione e ricerca medica», e ha pagato viaggi e onorari extra a 182 medici svizzeri. Inoltre sponsorizza il congresso medico Iron Academy e amministra siti sulle carenze di ferro.

Nel 2016, a livello mondiale, Ferinject ha fatto incassare all'azienda oltre 500 milioni di franchi.

Eric Breitinger, Saldo
Michela Salvi, Scelgo io

Impressum Design by VirtusWeb