HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
Spendere Meglio
Edizione: 6/2017 dicembre

Nome: Spendere Meglio
Nato il: 7 febbraio 1996
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 20 dei mesi pari


Abbonati a Spendere Meglio
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
Spendere Meglio su iPhone

Torna indietro
6/2017 dicembre | pagina 25

È tardi, l’inquilino non paga
Il proprietario può dedurre i danni dal deposito garanzia affitto. Ma se contesta subito

Alla consegna dell’appartamento, il proprietario deve contestare i danni entro pochi giorni. L’inquilino può difendersi se i termini non vengono rispettati e le deduzioni dal deposito garanzia sono ingiustificate.

A fine ottobre 2016 Teresa Santos cambia casa. L’amministratore immobiliare Livit stila un protocollo di consegna, nel quale si concorda che la settimana successiva l’inquilina avrebbe provveduto a far pulire l’appartamento da una ditta specializzata e poi consegnato la chiave al portinaio.

Santos deve attendere diversi mesi prima che il suo deposito garanzia affitto di fr. 3’600.- sia sbloccato: Livit allestisce il conguaglio finale solo nel giugno 2017. E deduce dal deposito ben fr. 400.- per una seconda pulizia dell’appartamento, più fr. 25.- per una chiave della cantina apparentemente mancante.

Santos non è d’accordo: «Avevo incaricato una ditta di pulizie con garanzia di consegna», racconta. «Se l’appartamento non fosse stato effettivamente pulito a sufficienza, la ditta avrebbe dovuto ripulirlo a proprie spese».

I termini di contestazione vanno rispettati
L’inquilina aveva spedito per raccomandata la chiave della cantina a Livit. Siccome però voleva che le fossero restituiti i soldi del deposito garanzia, ha accettato suo malgrado le deduzioni.

«Ma avrebbe potuto opporsi», dice il consulente giuridico dell’associazione inquilini Ruedi Spöndlin. Per legge, Livit avrebbe dovuto contestare subito la pulizia dell’appartamento ritenuta insufficiente, cioè entro due o tre giorni lavorativi dal momento del ricevimento delle chiavi. L’amministrazione avrebbe però mancato i termini per contestare i difetti e perso pertanto eventuali diritti di risarcimento danni.

E questo Livit lo ha ammesso, dopo essere stata interpellata dalla rivista K-Tipp. Ha inoltre confermato di aver ricevuto la chiave della cantina e promesso di rimborsare fr. 425.- all’ex inquilina.

Se un proprietario non cede, gli inquilini possono rivolgersi all’Ufficio di conciliazione in materia di locazione.


Consigli

Pulite e fate le riparazioni prima di lasciare l’appartamento

- Pulizia. L’appartamento va pulito a fondo. La soluzione più semplice è incaricare una ditta con garanzia di consegna e far presenziare un collaboratore alla consegna. Nella Svizzera nord-occidentale i contratti prevedono spesso una pulizia normale.

- Riparazioni. Gli inquilini dovrebbero sbrigare da sé le riparazioni e le piccole migliorie, come togliere viti, chiodi e ganci, sostituire il tubo doccia e i bicchieri del bagno, stuccare bene i buchi nelle pareti o, previo accordo, lasciarli.

- Stato. Chi ha modificato l’appartamento senza l’autorizzazione scritta del proprietario deve riportare la situazione allo stato originale. Ma prima è opportuno chiedergli se lo pretende davvero.

- Usura. La normale usura non è a carico degli inquilini: per esempio, l’ingiallimento delle tapezzerie, le tracce di mobili e quadri alle pareti, i pochi fori per bussole ben stuccati. In caso di usura eccessiva, il limite massimo di responsabilità imputabile all’inquilino è il valore attuale. Dunque, se una parte dell’arredamento ha superato la durata di vita, dal punto di vista giuridico il proprietario non può far valere alcun danno.

- Consegna. Spesso il proprietario stila un protocollo di consegna, su cui sono elencati i locali con gli elementi d’arredo e gli eventuali danni. Gli inquilini devono rispondere solo per i danni insorti durante la locazione e non menzionati nel protocollo iniziale. Se questo manca, l’obbligo della prova è a carico del proprietario.

Gli inquilini non sono obbligati a firmare il protocollo. Possono correggerlo o annotare il proprio disaccordo.
- Consulenza. Chi teme liti con il proprietario può chiedere di essere accompagnato da un esperto dell’associazione inquilini. I costi variano da 80 a 200 franchi.

Beatrice Walder, K-Tipp
Michela Salvi, Spendere Meglio

Impressum Design by VirtusWeb