HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
Spendere Meglio
Edizione: 1/2018 febbraio

Nome: Spendere Meglio
Nato il: 7 febbraio 1996
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 20 dei mesi pari


Abbonati a Spendere Meglio
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
Spendere Meglio su iPhone

Torna indietro
1/2018 febbraio | pagina 8

L’Iva va giù, ma i prezzi no
Da Migros & Co. lo scontrino non cambia. Anche se l’imposta è scesa al 7,7%

Da gennaio l’Iva è più bassa. Ma la maggior parte di negozi e produttori non taglia i prezzi. Lo dimostra un confronto.

Il no dello scorso 24 settembre alla riforma della previdenza per la vecchiaia ha avuto effetti anche sull’Iva: dal 1° gennaio 2018, l’aliquota normale è stata abbassata dall’8% al 7,7%. A caratteri cubitali, il giornale Coop annunciava il taglio dei prezzi di 1’200 articoli. Anche Migros ha promesso di trasmettere ai consumatori tutti i vantaggi legati alla riduzione dell’Iva.

Lo scorso anno la rivista per consumatori K-Tipp ha rilevato i prezzi di alcuni prodotti costosi, per verificare se effettivamente nel 2018 i consumatori avrebbero approfittato dell’Iva più bassa. La modifica dell’aliquota ha però un effetto concreto solo sulla merce costosa. Su un prodotto del costo di fr. 18.-, la differenza sarebbe di 5 centesimi.

Ecco il risultato della prova a campione:

- Da Coop edile + hobby e Interdiscount (gruppo Coop) sono stati rilevati i prezzi di 25 prodotti, da un aspirapolvere di fr. 599.- al televisore da fr. 19’999.-. Tutti sono rimasti uguali. Quello della tivù sarebbe dovuto diminuire di fr. 56.-.

«Abbiamo abbassato i prezzi di prodotti particolarmente richiesti o che sono di stagione», si giustifica Coop.

- Nessuna variazione da Migros. Le riduzioni dei prezzi «saranno intraprese gradualmente su assortimenti mirati». In parte solo a metà febbraio.

- A inizio anno i prezzi degli elettrodomestici per la cucina di Bauknecht, Bosch, Miele, Siemens e V-Zug sono addirittura aumentati. Per le cinque aziende, questo è dovuto all’aumento dei costi delle materie prime e al corso dell’euro. Aeg ed Electrolux, invece, trasmettono il risparmio ai loro clienti.

- Prezzi più bassi anche per la classe C di Mercedes, ma quelli delle versioni top sono stati aumentati.

- Amag ha ridotto fino a 150 franchi i prezzi di varie versioni della Vw Golf 50 e fino a 350 franchi quelli di Vw Tiguan. Contemporanemente ha aumentato di 50-100 franchi quelli di altri modelli. Amag non ha dato spiegazioni.

- Bmw intasca i vantaggi della riduzione dell’Iva. Da gennaio, ha aumentato il prezzo del Gran-Tourer 2 a fr. 45’859.-, Iva esclusa. Aggiunta l’imposta, il prezzo è rimasto invariato rispetto a quello dell’anno scorso di fr. 49’390.-.

«La modifica avrebbe richiesto un grande lavoro», fanno sapere da Bmw. È stato quindi deciso di non abbassare i prezzi e consegnare ai clienti buoni per servizi o accessori.

Marco Diener, K-Tipp
Michela Salvi, Spendere Meglio


Impressum Design by VirtusWeb