HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
Spendere Meglio
Edizione: 1/2018 febbraio

Nome: Spendere Meglio
Nato il: 7 febbraio 1996
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 20 dei mesi pari


Abbonati a Spendere Meglio
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
Spendere Meglio su iPhone

Torna indietro
1/2018 febbraio | pagina 26

Bitcoin ad alto rischio
Il corso della criptovaluta è soggetto a forti oscillazioni. L’investimento è per speculatori

Chi ha puntato sui bitcoin negli ultimi mesi ha guadagnano parecchio. Ma con la moneta virtuale il rischio di perdite è dietro l’angolo.

Cos’è un bitcoin?

Il bitcoin è una moneta digitale, una criptovaluta. Si definisce in questo modo perché le informazioni sui possessori e le transazioni sono salvate su computer in modo crittografato. La moneta elettronica può essere trasferita da computer a computer con appositi programmi. Non serve alcuna banca.

Sette anni fa, un bitcoin costava 30 centesimi di dollaro statunitense. Il 29 gennaio 2018 oltre 11 mila dollari.

Ci sono anche altre criptovalute?

Attualmente ce ne sono in circolazione circa 1’400 e continuano a nascerne di nuove.

Con una capitalizzazione di mercato di oltre 187 miliardi di dollari (stato: 29 gennaio 2018), il bitcoin è la criptovaluta più importante. Seguono Ripple ed Ether.

Come si paga in bitcoin?

Il possessore di denaro digitale lo deposita in una casella digitale chiusa con un codice. Manda poi al destinatario una chiave elettronica per aprirla.

Tutte le transazioni sono salvate in una specie di registro di cassa digitale, la cosiddetta blockchain. Nella banca dati, i proprietari della valuta rimangono anonimi.

Come nascono i bitcoin?

Sono creati su computer con complicati processi di calcolo e immessi gradualmente sul mercato. Attualmente ci sono in circolazione circa 17 milioni di bitcoin. Il fondatore Craig Steven Wright, noto con lo pseudonimo di Satoshi Nakamoto, ha stabilito che ne possono essere prodotti al massimo 21 milioni.

Dove si acquistano e dove si vendono?

Su internet ci sono mercati di bitcoin e altre valute, per esempio bity.com o bitfinex.com. I pagamenti possono essere effettuati tramite banca o carta di credito.

Chi ha un conto presso la banca online Swissquote può acquistare e vendere lì i bitcoin. Li si possono acquistare anche agli automatici nelle maggiori città svizzere (in Ticino, a Ponte Tresa)(1) e alle Ffs.

È possibile anche creare i bitcoin da sé (in gergo “minare”): si mette a disposizione la capacità di calcolo di un computer e si fa convalidare la correttezza di transazioni bitcoin da un software. Questo aiuta a rendere sicuro il sistema e in cambio si ricevono bitcoin. Sembra interessante, ma considerato il consumo elettrico, la spesa potrebbe superare la resa.

Come si conservano?

I bitcoin sono depositati in un portafoglio elettronico, chiamato wallet, un programma installato sul computer o sullo smartphone.

Attenzione: la criptovaluta è persa se l’apparecchio subisce un danno, viene rubato o perso. L’unica possibilità di salvezza è il codice personale, la cosiddetta private key, da conservare in un luogo sicuro. In questo modo si possono recuperare i propri soldi da provider quali electrum.org, mycelium.com o breadapp.com.

Il bitcoin è adatto al traffico dei pagamenti?

No. È accettato in pochissimi posti(2).

E quale investimento di capitale?

Soltanto per gli speculatori. Il corso della criptovaluta è soggetto a forti oscillazioni. Il prezzo è gonfiato dalla forte domanda e può crollare improvvisamente se la quantità in vendita supera quella richiesta. Le perdite totali non sono da escludere.

La Borsa svizzera tratta un certificato Leonteq che rappresenta il corso dei bitcoin e costa un decimo di bitcoin (Valor 36663487). Swissquote ha immesso sul mercato un certificato bitcoin (Valor 37270343) che cerca di migliorare le prestazioni del bitcoin, investendo i soldi amministrati totalmente o in parte in bitcoin.

Qual è il grado di sicurezza?

Il computer e le borse online sono a rischio di attacchi hacker.

La banca dati crittografata (blockchain) è ancora considerata sicura. Gli esperti informatici mettono però in guardia dai computer particolarmente prestanti, i cosiddetti computer quantici, che prima o poi potrebbero decrittare i codici.

Pascal Roth, Saldo
Michela Salvi, L’Inchiesta

(1)tiny.cc/bitcoin-svizzera
(2)coinmap.org, bitcoin-stores.ch
tiny.cc/bitcoin-svizzera
coinmap.org
bitcoin-stores.ch

Impressum Design by VirtusWeb