HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
L'Inchiesta
Edizione: 3/2018 maggio

Nome: L'Inchiesta
Nato il: 17 novembre 1999
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 10 dei mesi dispari


Abbonati a L'Inchiesta
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
L'inchiesta su iPad e iPhone

Torna indietro
3/2018 maggio | pagina 4

Videoteche naufraghe
Erano 29. Ne è rimasta una. Nell'era dello streaming, il noleggio di film è quasi scomparso dal mercato ticinese

Dopo 20 anni di attività, Claudio Preiano di Nonsolovideo chiuderà i battenti in giugno. «Ci sono ormai troppe offerte on demand e online» dice il titolare della videoteca di Lugano. «È impossibile competere ancora in questo mercato».

Quella che sta scomparendo non è solo un'attività commerciale, ma un'opportunità di svago per i ragazzi. «Negli anni '80 le videoteche erano un punto di incontro per i giovani», spiega Preiano. «Il sabato sera, se non volevi andare al cinema, potevi trovarti in videoteca con la tua ragazza e noleggiare un film. Oggi invece esistono fin troppe alternative. Basta uno smartphone e ti si apre un intero mondo».

Le nuove piattaforme propongono un'ampia scelta di programmi a cui è possibile accedere direttamente da casa.

Netflix con fr. 15.90 al mese offre una vasta gamma di serie televisive e film in alta definizione condivisibili su due schermi.

Amazon Prime presenta un catalogo ricco di possibilità a 5.99 euro al mese (circa 7 franchi).

Una novità come il film Justice League può essere noleggiata per 48 ore su Sunrise tv per fr. 6.90 o su iTunes per fr. 7.50 per 30 giorni (la visione è possibile una sola volta).
Negli anni '90 in Ticino c'erano 29 videoteche. Dopo la chiusura di Nonsolovideo ne resterà una sola, Videodiva a Giubiasco. «Si tratta principalmente di un discorso di comodità», spiega la titolare Rosy Grassi. «La gente spesso non ha voglia di uscire di casa per noleggiare un film, ma preferisce fare tutto comodamente dal divano».

Come è possibile restare a galla quando tutte le altre videoteche sono naufragate? «Siamo stati costretti a tagliare il personale», spiega Grassi. «Ma riusciamo a resistere perché proponiamo una selezione di film d'autore e di film europei che non si trovano online. Inoltre abbiamo una clientela affezionata che si rivolge a noi chiedendo consigli».

La scelta tra videoteca e streaming non dipende dal borsellino. Il prezzo dei film è simile (vedi tabella). Per chi li noleggia solo ogni tanto, conviene scaricarli da iTunes o noleggiarli in videoteca visto che non chiede un abbonamento mensile. Tuttavia nell'abbonamento di Swisscom, Sunrise e Upc sono comprese altre prestazioni come internet, telefono e televisione.

Rebecca Buzzetti
Thomas Schürch

Impressum Design by VirtusWeb