HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
L'Inchiesta
Edizione: 4/2018 luglio

Nome: L'Inchiesta
Nato il: 17 novembre 1999
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 10 dei mesi dispari


Abbonati a L'Inchiesta
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
L'inchiesta su iPad e iPhone

Torna indietro
4/2018 luglio | pagina 32

Meglio i bus per Malpensa che lo scalo dello scialo
L'aeroporto luganese è inutile, sia per il turismo che per i viaggi d'affari

Problema A. Ci vogliono due ore per percorrere in treno i 192 chilometri tra Bellinzona e l'aeroporto di Zurigo. Calcola la velocità media del treno.

Soluzione. 192 chilometri diviso 2 ore uguale 86 chilometri orari.

Problema B. Ci vogliono 2 ore e 9 minuti per percorrere in treno i 92 chilometri tra Bellinzona e l'aeroporto di Milano Malpensa. Calcola la velocità media del treno.

Soluzione. 92 chilometri diviso 2 ore e 9 minuti uguale 43 chilometri orari.

Dallo scorso 10 giugno ogni due ore un treno collega il Ticino con Malpensa. Sul tratto lombardo però viaggia più adagio di una bicicletta al Giro d'Italia.

Per la Tilo, la società italo-svizzera che gestisce i treni tra il Ticino e la Lombardia, non dovrebbe essere difficile organizzare un bus diretto tra Lugano e Malpensa con corse ogni 20 minuti allo stesso prezzo del biglietto del treno. Il viaggio durerebbe un'ora.

Se il Ticino è ben collegato all'aeroporto internazionale più vicino, si potrebbe chiudere l'aeroporto di Agno altamente deficitario e destinare lo spazio a un'area verde che migliorerebbe la qualità di vita nella regione.

La città di Lugano continua a buttar via i soldi dei cittadini per ricapitalizzare la società aeroportuale. L'ha fatto più volte in passato e ora progetta nuove spese. Una voragine senza fondo in cui si continuano a riversare milioni allo scopo di nascondere gli sprechi degli anni precedenti.

L'apertura della nuova galleria ferroviaria del Ceneri ridurrà a circa due ore e un quarto la durata del tragitto tra Lugano e l'aeroporto di Zurigo (sei minuti in più dell'attuale tragitto in treno tra Bellinzona e Malpensa). Siccome i treni circolano ogni ora o mezzora mentre l'aereo per Zurigo parte in media ogni quattro ore, è chiaro che Agno non è più competitivo.

L'aeroporto luganese è inutile, sia per il turismo che per i viaggi d'affari. Mentre la popolazione ticinese è in forte crescita e sempre più persone prendono l'aereo, ad Agno diminuiscono i passeggeri.

La nuova linea per Malpensa è un primo passo ma non basta. Un bus ogni 20 minuti tra Lugano e Malpensa gestito dalla Tilo avrebbe un rapporto qualità prezzo ben superiore sia all'attuale "tren dal lacc" sia allo scalo dello scialo.


Previsioni campate in aria

Nel 1996 a Lugano comandavano i liberali radicali e il sindaco si chiamava Giorgio Giudici. Allora la città prevedeva per l'aeroporto di Agno 700 mila passeggeri all'anno entro il 2005. Quasi duemila al giorno.
Questa cifra non è mai stata raggiunta. Nel 2017 i passeggeri sono stati solo 177 mila.

Lo scorso marzo erano in media 196 al giorno.

Un errore costato caro ai contribuenti. L'aeroporto di Agno è ormai una macchina mangiasoldi con un rapporto costi-benefici deleterio. Per nascondere le magagne, l'azienda municipalizzata Lugano Airport è stata trasformata in società anonima, ciò che ha impedito un controllo democratico. I consiglieri comunali sono stati coinvolti solo al momento di votare crediti milionari per tappare i buchi, come spiegava già sei anni fa il socialista Nenad Stojanovic (L'Inchiesta, gennaio 2012).

Matteo Cheda

Impressum Design by VirtusWeb