HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
L'Inchiesta
Edizione: 4/2018 luglio

Nome: L'Inchiesta
Nato il: 17 novembre 1999
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 10 dei mesi dispari


Abbonati a L'Inchiesta
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
L'inchiesta su iPad e iPhone

Torna indietro
4/2018 luglio | pagina 10

Incidenti al mare? Meno guai se la franchigia è assicurata
Per non rischiare di dover pagare migliaia di franchi in caso di incidente con l'auto presa a noleggio, è possibile assicurare la franchigia. Alcune carte di credito prevedono già questa copertura.

In genere, nei costi del noleggio auto sono comprese anche le assicurazioni Rc e casco totale. Ma attenzione: spesso la franchigia di varie migliaia di franchi non è assicurata nella tariffa base. Lo si può fare separatamente o pagando un supplemento di pochi franchi al giorno. In caso di sinistro non si dovrà quindi pagare alcun importo.

Esempi: per la protezione della franchigia per una settimana a Palma di Maiorca con una Ford Fiesta, rentalcars.com chiede fr. 97.-. Per una settimana a Dubrovnik con una Vw Golf fr. 114.-.

Non è sempre necessario assicurare la franchigia. La copertura è compresa in alcune costose carte di credito: per esempio, Visa Gold e Mastercard Gold di Ubs, Raiffeisen e Migros (tassa annuale di circa 200 franchi), Visa Bonus Card Gold di Cornèr Bank (fr. 144.- annui, con copertura della franchigia fino a fr. 1'000.-) e Visa Liberty Card Plus di Cornèr Bank (fr. 150.- annui, copertura fino a fr. 2 mila).

Consiglio: una carta di credito che include l'assicurazione complementare per il noleggio dell'auto può essere conveniente a chi usa regolarmente questo servizio.

Max Fischer, Saldo
Silvia Mossi, L'Inchiesta



Stesso biglietto per Venezia: Ffs più care di Trenitalia

Sul sito delle Ffs, un biglietto per Venezia può costare quasi il triplo che sul portale di Trenitalia. Anche Trainline.ch ha tariffe più basse.

Prima di acquistare un biglietto del treno, consultate i siti internet delle ferrovie estere. Spesso quelli venduti dalle Ffs, soprattutto per l'Italia e l'Austria, costano di più.

Esempio: Luca vorrebbe andare a Venezia dal 3 al 5 agosto. Con l'abbonamento generale ha bisogno solo del biglietto da Domodossola: su trenitalia.com costa fr. 62.-, su ffs.ch fr. 156.-, cioè quasi il triplo.

Il sito di Trenitalia è però piuttosto lento. L'alternativa è trainline.ch, un'impresa francese che ha accesso alle tariffe più basse di Trenitalia e delle ferrovie austriache. I biglietti possono essere stampati o scaricati sullo smartphone. Inoltre, i prezzi sono indicati insieme con l'orario, in modo tale che il cliente vede subito per quali treni ci sono i biglietti più economici.

Sul sito delle Ffs, invece, bisogna richiedere il prezzo di ogni singolo collegamento.

Marco Diener, K-Tipp
Michela Salvi, L'Inchiesta

Impressum Design by VirtusWeb