HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
Scelgo io
Edizione: 4/2018 agosto

Nome: Scelgo io
Nato il: 22 gennaio 2002
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 30 dei mesi dispari


Abbonati a Scelgo io
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
Scelgo io su iPad e iPhone

Torna indietro
4/2018 agosto | pagina 10

Sguardi sofferenti
I trattamenti alle ciglia possono causare infezioni e allergie

Allungare, colorare, laminare: i saloni di bellezza offrono vari metodi per abbellire le ciglia. Ma nessuno è privo di rischi.

I trattamenti per le ciglia possono dare reazioni allergiche. Il cianoacrilato, presente nelle colle e nei cerotti spray, può infiammare la pelle o le mucose degli occhi.

Alcuni ricercatori finlandesi hanno dimostrato che questo ingrediente era responsabile di infezioni nasali e asma nelle stiliste. Risultati simili per uno studio giapponese: su 200 donne sottoposte all'allungamento delle ciglia, una su quattro presentava infezioni agli occhi, dolori, prurito o gonfiore.

Attenzione a coloranti e batteri
Anche altri trattamenti delle ciglia contengono solventi problematici. Come la laminazione (vedi tabella): in vari passi, le stiliste fissano, colorano e rivestono le ciglia con diverse soluzioni, per dar loro un aspetto più folto e scuro.

La procedura di messa in piega e lifting delle ciglia è simile: queste sono piegate ad arco verso l'alto grazie a una soluzione che le ammorbidisce e le fissa nella forma desiderata.

Con la colorazione si scuriscono le ciglia e con il mascara permanente si infoltiscono ancora di più. In entrambi i metodi si usano coloranti.

Chi ha una pelle sensibile, una malattia cutanea attorno agli occhi o un'allergia da contatto a uno degli ingredienti dovrebbe rinunciare a simili trattamenti. Tutte le sostanze sintetiche sono potenzialmente irritanti.

«Le ciglia più lunghe o folte possono far seccare gli occhi, perché fanno convogliare più aria al loro interno», sottolinea l'oculista Melanie Eberle di Emmenbrücke (Lucerna).

Inoltre, presenterebbero una superficie maggiore di quelle naturali: si possono così depositare batteri, polveri e spore, facendo aumentare il rischio di infezioni alla palpebra o all'occhio.

Nei centri estetici va garantita l'igiene
Per evitare conseguenze sgradevoli, è altresì importante che l'estetista lavori in modo igienicamente ineccepibile. Se incolla le ciglia finte troppo vicine all'occhio o direttamente sulla palpebra, possono formarsi micro ferite.

Si rischia un'infezione batterica che potrebbe richiedere persino l'assunzione di antibiotici. E per guarire ci possono volere settimane.

Chi vuole rendere più belle le ciglia senza andare incontro a tutti questi rischi può utilizzare alcuni metodi naturali.

Il tè verde, per esempio, le cura senza danneggiarle. Basta bagnarvi un bastoncino d'ovatta e passarlo sull'arcata cigliare, lasciare agire per 15 minuti e sciacquare.

Un'alimentazione sana favorisce la crescita
La crescita delle ciglia, ma anche dei capelli, può essere stimolata con un'alimentazione sana: molta frutta, verdura, noci e proteine.

Inoltre, la sera bisognerebbe sempre struccarsi accuratamente, altrimenti le ciglia seccano e potrebbero spezzarsi.

Luzia Mattmann, Gesundheitstipp
Michela Salvi, Scelgo io

Impressum Design by VirtusWeb