HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
Scelgo io
Edizione: 4/2018 agosto

Nome: Scelgo io
Nato il: 22 gennaio 2002
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 30 dei mesi dispari


Abbonati a Scelgo io
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
Scelgo io su iPad e iPhone

Torna indietro
4/2018 agosto | pagina 19

Giochi erotici al veleno
Un terzo dei sex toys testati contiene composti dello stagno

Dildo e vibratori possono essere pericolosi per la salute. In 7 prodotti su 20 sono state trovate sostanze problematiche.

Dildo e vibratori sono realizzati generalmente in silicone o con altre sostanze sintetiche. Stando ai produttori, contengono meno composti problematici dei precedenti modelli in pcv o cloruro di polivinile.

Un test della rivista Gesundheitstipp svela però che questo è solo parzialmente vero: 7 sex toys su 20 contengono composti velenosi dello stagno usati dall'industria per produrre silicone o pvc.

Due prodotti presentano un tenore molto elevato di dibutilstagno (dbt), una sostanza particolarmente problematica (vedi tabella in basso a pagina 20). Secondo l'Ufficio tedesco per la valutazione dei rischi e uno studio dell'Università di Basilea, può irritare la pelle, danneggiare il sistema immunitario e compromettere la fertilità.

Il vibratore più caro del test, Mona Wave (fr. 169.90), è molto contaminato: contiene ben 3'200 microgrammi al chilo di dbt. Nel dicembre 2017 questo modello aveva vinto un test della trasmissione Kassensturz: alcune donne avevano valutato la funzionalità dei sex toys, mentre in laboratorio ne era stata testata la resistenza.

Ma questo prodotto non è l'unico a essere pericoloso. Nei modelli Ex Penis Probe di Seven Creations e Secret Lover di Ceylor sono stati trovati composti organici dello stagno.

In nessun prodotto ci sono plastificanti
Secondo Lelo, i suoi prodotti adempiono ai requisiti di legge. Ma già sei anni fa i suoi vibratori si erano fatti notare negativamente: la rivista tedesca Öko-Test aveva rilevato un tenore molto elevato di dbt in un modello della stessa marca. L'importatore di Ex Penis Probe segnala solo che il prodotto viene dalla Cina.

Il produttore di Secret Lover scrive che «all'uso normale del vibratore» non vi sarebbe alcun rischio e che nei test interni la sostanza non sarebbe stata rilevata.

Alcuni anni fa i composti dello stagno erano ancora usati nelle vernici per imbarcazioni, per proteggere gli scafi dalla proliferazione di alghe. Oggi queste vernici sono vietate. Ma a livello europeo, nei prodotti per l'uso quotidiano, sono tollerati composti dello stagno fino a un tenore massimo di stagno dello 0,1%, cioè 1 grammo al chilo.

Dildo e vibratori entrano a contatto con le mucose, che sono ben irrorate e possono facilmente assorbire i veleni. Nel test è stato quindi considerato molto elevato già un tenore di 250 microgrammi al chilo. Molti produttori dimostrano che le alternative ci sono: in 13 prodotti non è stato trovato alcun composto dello stagno.

La notizia positiva è che i plastificanti come gli ftalati o gli idrocarburi policiclici aromatici (pak) non rappresentano più un problema (vedi "I criteri del test"). Il laboratorio non ha trovato tracce di queste sostanze chimiche ad effetto ormonale, che possono danneggiare gli organi, e nemmeno del metallo pesante cadmio.

I giochi erotici aiutano ma non salvano la coppia
Un gioco erotico può vivacizzare il rapporto di coppia. «Usato spontaneamente a letto può ravvivare il sesso», dice la psicoterapista e terapista sessuale Christina Casanova di Coira (Grigioni). Lo può fare alla stregua di altre cose che rendono piacevole una relazione, come un weekend fuori casa o una cena romantica. Attenzione, però: «I sex toys non salvano il rapporto», avverte Casanova. Inoltre, non si dovrebbe forzare il partner a usarli.

Consigli:
- Nei negozi ci sono molti prodotti. Prima di acquistarne uno, chiedete ad altre donne e leggete le esperienze raccontate su internet.

- Dopo l'uso, dildo e vibratori devono essere puliti accuratamente, altrimenti possono causare infezioni, come le micosi. In genere, è sufficiente lavarli con un po' di acqua calda e un detergente delicato, e asciugarli con un asciugamano pulito o con carta da cucina. Se il materiale è poroso o ha scanalature, può essere utile disinfettarlo.

- Chi usa lubrificanti dovrebbe sceglierli a base d'acqua, perché oli e grassi possono danneggiare le sostanze sintetiche dei sex toys.

- I giochi erotici non dovrebbero essere conservati sotto il letto o nel cassetto. Meglio proteggerli dalla polvere, dagli acari e dai germi mettendoli in un sacchetto di plastica. Inoltre, bisognerebbe riporre insieme solo prodotti dello stesso materiale, perché alcune sostanze sintetiche rilasciano oli o sostanze che possono aggredire materiali di altro tipo.


I criteri del test

I chimici del laboratorio di prova e certificazione Slg hanno analizzato 20 dildo e vibratori, rilevando il tenore delle seguenti sostanze problematiche: plastificanti, idrocarburi policiclici aromatici (pak), composti organici dello stagno, cadmio velenoso e perossidi irritanti.

L'analisi si è focalizzata sulle parti dei giochi erotici che entrano in contatto con la pelle o che si inseriscono.

Gli ftalati e i pak ammorbidiscono i materiali sintetici. I pak possono irritare la pelle o causare il cancro, gli ftalati hanno un effetto ormonale.

I composti organici dello stagno irritano la pelle. Il dibutilstagno è particolarmente problematico: danneggia il sistema immunitario e mette a rischio la fertilità.

Andresa Schildknecht, Gesundheitstipp
Vichi Masella, Scelgo io



Impressum Design by VirtusWeb