HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
Scelgo io
Edizione: 4/2018 agosto

Nome: Scelgo io
Nato il: 22 gennaio 2002
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 30 dei mesi dispari


Abbonati a Scelgo io
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
Scelgo io su iPad e iPhone

Torna indietro
4/2018 agosto | pagina 30

Il terapeuta fa rapporto?
«Ho un'assicurazione complementare per la medicina alternativa. La mia cassa malati ha chiesto un rapporto intermedio al terapeuta, nonostante prima di iniziare la cura avessi chiesto e ottenuto una garanzia di assunzione dei costi. Lo può fare?».

Sì. Nel caso di cure prolungate, la cassa malati può chiedere un rapporto al terapeuta.

Questa documentazione serve a motivare la necessità di continuare o meno la terapia.



Malato in prova: cosa succede con la disdetta?

«Ieri ho ricevuto la lettera di licenziamento. Siccome sono ancora nel periodo di prova, il preavviso è di soli sette giorni. Da oggi sono a letto con l'influenza. Il mio rapporto di lavoro si conclude normalmente?».

Sì. La legge prevede un prolungamento del termine del rapporto di lavoro se l'azienda licenzia il dipendente e questi si ammala durante il periodo del preavviso. Ma questo non vale se lo licenzia nel periodo di prova.

La sua inabilità al lavoro dopo il licenziamento non influisce quindi sul suo preavviso.



Periodo di attesa: ho diritto al salario?

«Sono malato. L'assicurazione di indennità giornaliere in caso di malattia paga l'80% del salario dal 31esimo giorno. Per i giorni precedenti il mio datore di lavoro non vuole pagarmi il salario. Ha ragione?».

No. I periodi di attesa di uno o addirittura più mesi sono abbastanza usuali nelle assicurazioni indennità giornaliere in caso di malattia, ma il datore di lavoro non può rivalersi sul dipendente.

Il suo capo deve pagarle almeno l'80% del salario dal primo giorno di malattia.



Si è rotto il gong: devo pagarne uno nuovo?

«Per combattere la mia aggressività sto seguendo una terapia del suono, durante la quale devo far risuonare un grande gong con un battente. Dopo l'ultima sessione, il gong aveva una crepa e la mia terapista vuole addebitarmi i costi di uno nuovo. Può farlo?».

No. Se durante l'ora di terapia lei non ha danneggiato il gong né volontariamente né per negligenza, non dovrà rispondere del danno.

Dovrebbe pagare solo se non avesse seguito le indicazioni della sua terapista e il gong si fosse rotto per colpa sua.



Sarò operato: il pignoramento è sospeso?

«Il mio salario è pignorato dall'ufficio esecuzione e fallimenti. Settimana prossima sarò operato all'inguine e non potrò lavorare per due settimane. Durante questo periodo le autorità bloccheranno il pignoramento?».

No. L'ufficio esecuzione e fallimenti sospende il pignoramento solo se il debitore è ammalato o infortunato in modo tanto grave da non essere più in grado di definire un suo rappresentante legale. E non è il suo caso.



Disoccupazione: devo assicurare gli infortuni?

«Sono stata licenziata da poco. Non avendo trovato un nuovo lavoro, mi iscriverò in disoccupazione. Devo riassicurare gli infortuni con la mia cassa malati?».

No, la copertura dell'assicurazione infortuni del suo datore di lavoro si estingue solo 31 giorni dopo l'ultimo giorno di diritto al salario.

Inoltre, gli iscritti alla cassa disoccupazione sono assicurati obbligatoriamente contro gli infortuni dalla Suva.

Impressum Design by VirtusWeb