HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
Spendere Meglio
Edizione: 4/2020 agosto

Nome: Spendere Meglio
Nato il: 7 febbraio 1996
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 20 dei mesi pari


Abbonati a Spendere Meglio
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
Spendere Meglio su iPhone

Torna indietro
4/2020 agosto | pagina 29

Quando mi sposo perdo il cognome?
Documenti, scadenze e cerimonia: Spendere Meglio risponde alle domande sulle nozze

Prima del matrimonio ci si deve fidanzare?

No. Il fidanzamento non è altro che la reciproca promessa di sposarsi, ma non rappresenta un diritto legale al matrimonio. Fino alle nozze, può essere annullato in qualsiasi momento da ognuno dei fidanzati.

Quali sono le premesse legali al matrimonio?

Bisogna avere almeno 18 anni, essere nubili o celibi, validamente divorziati e capaci di discernimento. Non si può essere imparentati. In Svizzera è però permesso sposarsi tra cugini.

Il matrimonio dev’essere autorizzato?

Sì. Presso l’Ufficio dello stato civile competente, cioè quello del luogo di domicilio della sposa o dello sposo, si svolge una procedura preparatoria delle nozze.

I promessi sposi devono comparire personalmente, identificarsi e dichiarare che tutte le premesse al matrimonio sono adempiute. Gli stranieri devono dimostrare di soggiornare in Svizzera legalmente.

L’ufficiale dello stato civile, dopo aver esaminato la domanda e i relativi documenti, comunica loro per iscritto se è possibile celebrare il matrimonio.

Quali documenti servono?

Gli sposi svizzeri devono avere un passaporto o una carta d’identità e un certificato di domicilio valido.

Gli stranieri hanno bisogno di un passaporto, del certificato di nascita con il nome dei genitori e di una conferma dello stato civile della nazione di provenienza. Chi vive già in Svizzera deve consegnare anche il permesso di soggiorno.

Entro quale scadenza deve avvenire il matrimonio?

Al più tardi entro tre mesi dall’autorizzazione da parte dell’Ufficio dello stato civile. Il matrimonio può essere celebrato presso qualsiasi ufficio dello stato civile in Svizzera.

Come si svolge?

La cerimonia si tiene alla presenza di due testimoni adulti. L’ufficiale dello stato civile chiede singolarmente alla sposa e allo sposo se vogliono sposarsi. Se entrambi dicono sì, si dichiara contratto il matrimonio. Insieme con i testimoni, firmano i documenti giustificativi.

Il cognome cambia con il matrimonio?

No. I coniugi mantengono il proprio, ma possono scegliere un unico cognome coniugale tra quello della moglie o del marito.

La decisione va presa prima del matrimonio, perché in un secondo tempo è difficile cambiare cognome.

Cambia la cittadinanza?

No. Ognuno mantiene la propria cittadinanza cantonale e attinenza comunale. I coniugi stranieri di uno svizzero o di una svizzera non ottengono né l’una né l’altra. Dopo un certo lasso di tempo, però, hanno la possibilità di presentare una domanda di naturalizzazione agevolata.

Chi va informato del matrimonio?

L’Ufficio dello stato civile informa le autorità che devono essere messe al corrente delle nozze.

Gli sposi dovrebbero avvisare il datore di lavoro, il proprietario di casa, le assicurazioni, le banche e la cassa di compensazione Avs.

In caso di cambiamento del cognome, occorre far adeguare la licenza di circolazione e di condurre presso la Sezione della circolazione. Inoltre, si dovrebbero aggiornare i certificati personali.

Un matrimonio può essere annullato a posteriori?

Sì, ma solo in circostanze ben precise. Per esempio, in caso di matrimonio fittizio, dunque se è stato contratto al solo scopo di far ottenere al coniuge un permesso di soggiorno svizzero.

Michael Krampf, Saldo
Silvia Mossi, Spendere Meglio

Impressum Design by VirtusWeb