HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
Spendere Meglio
Edizione: 1/2006 febbraio

Nome: Spendere Meglio
Nato il: 7 febbraio 1996
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 20 dei mesi pari


Abbonati a Spendere Meglio
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
Spendere Meglio su iPhone

Torna indietro
1/2006 febbraio | pagina 8

Vetture perfezionate a scapito di chi guida
Con il perfezionamento delle automobili aumenta il numero di difetti pericolosi. Gli automobilisti fanno da cavie.

Sebbene le auto diventino sempre più moderne, non sono rari componenti scadenti del telaio, airbag che si aprono all'improvviso, o condutture della benzina non ermetiche. La lista di questi difetti comprende componenti elettroniche e meccaniche per oltre il 50%.

L'esempio più recente di questa situazione allarmante sono le pompe d'iniezione per i motori diesel della Bosch: migliaia di auto di diverse marche hanno dovuto essere richiamate. Le auto finite non sono quindi state fornite, e la produzione in diverse fabbriche ha subito perdite.

La causa? Un anellino in acciaio difettoso che non era nemmeno prodotto da Bosch, bensì fornito da una ditta americana.

I produttori di auto spesso si limitano a costruire motore e carrozzeria. L'80% dei componenti provengono invece da ditte subappaltatrici che forniscono fari, assi, tettucci apribili, climatizzatori, sedili.

Inoltre, i nuovi modelli sono immessi sul mercato a un ritmo sempre più veloce. Un tempo ci volevano almeno sei anni perché si presentasse un nuovo modello; oggi sono al massimo 36 mesi. Ne consegue che rimane molto poco tempo per la fase di verifica. E gli automobilisti finiscono per fare da cavie per l'industria automobilistica.

C'è un altro motivo per l'aumento dei richiami in officina: dallo scorso anno, nei paesi dell'Unione Europea valgono le linee direttive che riguardano la generale sicurezza di produzione e la Germania le ha applicate in maggio.

A differenza di quanto accadeva in passato, ora i produttori sono obbligati a denunciare essi stessi gli eventuali difetti.

Per la Svizzera questa è una prospettiva futura. Diversamente da quel che accade nell'Ue, in Svizzera non vige alcun obbligo legale di richiamo. Abbiamo una legge di responsabilità inerente i prodotti, ma questa viene sempre applicata retroattivamente, dopo che un'auto difettosa abbia causato danni a persone o a cose.


Consigli

- In caso di un richiamo a seguito di gravi difetti, riconsegnate subito l'auto.
- Accordatevi con il garagista per avere un veicolo di cortesia per il tempo necessario alla riparazione. Oppure pretendete il risarcimento delle spese di trasporto con i mezzi pubblici.

Samuel Angler, Anna Bernasconi

Impressum Design by VirtusWeb