HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
Spendere Meglio
Edizione: 2/2006 aprile

Nome: Spendere Meglio
Nato il: 7 febbraio 1996
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 20 dei mesi pari


Abbonati a Spendere Meglio
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
Spendere Meglio su iPhone

Torna indietro
2/2006 aprile | pagina 27

Carte di credito per poveri
Con la variante "reload" è impossibile indebitarsi. Ma ogni ricarica costa cinque franchi

La banca vi ha negato la carta di credito, perché avete un reddito troppo basso? Se volete pagare senza contanti, potete richiedere una carta reload. Non si va in rosso e la si ricarica come una prepagata per cellulari. Ogni volta però si sborsano fr. 5.-.

Mastercard, American Express, Visa: in Svizzera vi sono più di tre milioni di carte di credito in circolazione. Ma è anche vero che a un quarto dei richiedenti, le banche negano le carte di credito, ad esempio, a causa di debiti o del reddito troppo basso.

In Svizzera, nella maggior parte dei negozi, è possibile pagare con la carta Ec/Maestro. Ma non la si può usare per pagare l'albergo all'estero, prenotare un'automobile o fare acquisti su internet.

Ora esiste un'alternativa quasi equivalente alla carta di credito: si chiama carta prepaid o reload e funziona come una carta prepagata per il cellulare.

La principale differenza dalla carta di credito è che con la carta reload si possono spendere unicamente soldi precedentemente versati per via elettronica o tramite polizza di versamento all'istituto della carta di credito. Non è possibile andare in rosso. Inoltre, non è neppure necessario avere un conto in banca.

Al momento, dal maggio dell'anno scorso, solo la banca Cornèr offre la carta prepaid. Dev'essere caricata con almeno fr. 200.- e al massimo con fr. 5000.- ed è utilizzabile come ogni carta di credito con un'eccezione: il numero della carta non è stampato in rilievo. Questo significa che non è accettata dagli apparecchi di lettura meccanici, perché non è possibile controllare lo stato del conto on-line. È però possibile usare la carta reload con un codice pin anche ai distributori di benzina.


5 franchi per ricarica

La carta di credito alternativa non è però del tutto conveniente, soprattutto tenendo conto che non viene effettuata la verifica della solvibilità e che per le banche non esiste un rischio di perdita.

Il costo di ogni ricarica ammonta a fr. 5.-. Che questo importo sia esagerato lo ha ammesso anche la banca Cornèr. «Stiamo pensando di ridurre notevolmente questa tassa» sostiene Alessandro Seralvo, responsabile del Card Center dell'istituto.

Come per ogni carta di credito, sono da evitare i prelievi in contanti presso i distributori automatici o gli sportelli bancari: l'operazione viene infatti a costare ben fr. 10.- di spese.


Assicurazioni incluse

La quota annua per la carta reload ammonta a fr. 50.-. Sono tuttavia comprese diverse prestazioni supplementari: un'assicurazione contro gli infortuni di viaggio valida a livello mondiale, un'assicurazione contro la perdita del bagaglio e una protezione giuridica.

Per fr. 20.- supplementari, se richiesto, si aggiunge un'assicurazione spese di annullamento viaggi: se le vacanze sono state pagate con la carta, ma si è dovuto rinunciare al viaggio, l'assicurazione rimborsa un massimo di fr. 7500.-. Per fr. 30.- è compresa una copertura familiare fino a un importo di fr. 30 000.-.

Visto che con la carta prepaid è impossibile indebitarsi, la banca Cornèr la distribuisce anche ai giovani a partire da 14 anni. I minorenni necessitano in ogni caso del consenso dei genitori.

Attualmente, né Ubs, né Credit Suisse intendono offrire carte reload. Tuttavia la banca Cornèr avrà, già a partire dalla metà dell'anno, concorrenza da Viseca. È quindi possibile che i prezzi scendano. «Offriremo sicuramente condizioni attrattive» preannuncia Ludovic Bauer, responsabile marketing di Viseca «Per i consumatori, le carte prepaid sono una necessità».

Franco Tonozzi, Romana Albertalli

Impressum Design by VirtusWeb