HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
Scelgo io
Edizione: 1/2008 gennaio

Nome: Scelgo io
Nato il:
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 30 dei mesi dispari


Abbonati a Scelgo io
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
Scelgo io su iPad e iPhone

Torna indietro
1/2008 gennaio | pagina 22

Benvenuti alimenti sani
I prodotti per arrostire contengono pochi acidi grassi trans

Nei prodotti per arrostire, la quantità di acidi grassi trans è diminuita. Motivo: le autorità impongono un limite.

Appena un anno fa, in Svizzera, in molti alimentari si trovavano concentrazioni in parte elevate di acidi grassi trans. Specie in quelli già pronti.

Si tratta di sostanze pericolose soprattutto per il cuore, poiché sono dannose per il livello di colesterolo nel sangue.

Sul numero di febbraio 2007 di Scelgo Io, era stato pubblicato un articolo sugli acidi grassi trans contenuti in molte paste per pizza e crostate già pronte. I quantitativi erano in parte elevati. E i produttori avevano promesso miglioramenti.

La rivista Gesundheitstipp ha ora fatto analizzare in laboratorio sette grassi vegetali per arrostire.

I risultati sono buoni: nessuno è stato criticato. Il tasso più elevato di grassi trans è stato dello 0,62% del tenore complessivo di grassi.

Suprema extra di Migros ha ottenuto il miglior risultato. Il valore di grassi trans rilevato in questo prodotto si situa al di sotto dello 0,2% (vedi tabella nella versione cartacea).


Le ricette sono cambiate

In tutti i grassi per arrostire analizzati, la quantità misurata è nettamente inferiore al valore limite del 2% che l'Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp) vuole introdurre durante la primavera del 2008. In Danimarca, questa soglia è in vigore già da anni.

«Alcuni prodotti per arrostire a base vegetale contenevano dosi elevate di acidi grassi trans», spiega Paolo Colombani, specialista del Dipartimento di scienze alimentari del politecnico di Zurigo. Ma nel frattempo, infatti, molti produttori hanno migliorato le ricette dei loro alimenti allo scopo di raggiungere valori di acidi grassi trans inferiori al 2%.

Il nuovo limite massimo dovrebbe valere per tutti gli oli e i grassi vegetali, ma anche per gli alimentari che ne contengono, come paste, vari prodotti di panetteria, biscotti, croissant, pizze pronte e patatine fritte.

I grassi trans si formano durante la lavorazione industriale dei grassi vegetali, ad esempio nel processo d'indurimento. «Partiamo dal presupposto che sia possibile creare prodotti industriali con pochi acidi grassi trans», conferma Sabine Helfer, portavoce dell'Ufsp.

Sonja Marti
Michela Salvi

Impressum Design by VirtusWeb