HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
Spendere Meglio
Edizione: 6/2009 dicembre

Nome: Spendere Meglio
Nato il: 7 febbraio 1996
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 20 dei mesi pari


Abbonati a Spendere Meglio
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
Spendere Meglio su iPhone

Torna indietro
6/2009 dicembre | pagina 16

Fratture miste sulla neve
Su 15 guanti testati, 11 proteggono mani e polsi
in modo insufficiente

I guanti con protezioni preservano mani e polsi di chi fa snowboard. Tuttavia, i migliori sono solo sufficienti. Lo dice un test su 15 modelli.
(vedi tabella versione cartacea)

La frattura del polso è uno degli infortuni più frequenti tra chi pratica lo snowboard. Si tratta di un dato importante, perché le fratture alle articolazioni possono avere conseguenze tardive, come l’artrosi.

«Tutti gli studi scientifici dimostrano che le protezioni per i polsi riducono il rischio di simili fratture», dice Frank Michel, esperto per la prevenzione degli infortuni negli sport invernali presso l’Ufficio per la prevenzione degli infortuni.

Protezioni mal posizionate
Non è invece altrettanto chiaro se anche i guanti con piccoli inserti rigidi di protezione in plastica, spesso anche mal posizionati, attutiscano a sufficienza l’energia di un colpo dovuto a una caduta.

La rivista per i consumatori K-Tipp, in collaborazione con la trasmissione Kassensturz, ha sottoposto a un test 15 paia di guanti da snowboard con elementi protettivi.

Non esiste un metodo di misurazione affidabile in laboratorio. Per questo motivo, gli esaminatori hanno valutato i guanti in base a criteri di protezione e praticità (vedi “I criteri del test”).

La maggior parte dei guanti ha dato adito a critiche. Gli esperti hanno attribuito un giudizio globale sufficiente solo a quattro modelli. Nessun modello esaminato è riuscito ad ottenere un giudizio globale buono o molto buono.

La nota positiva è che i guanti di Reusch, vincitori del test con giudizio globale sufficiente, in caso di caduta offrono una protezione dei polsi giudicata buona. Esistono da donna e da uomo.

Gli esperti hanno criticato le numerose protezioni non sufficientemente aderenti alle mani. Questo fa sì che, in caso di caduta, se il polso si piega, anziché resistere alla pressione, il guanto segue il movimento. In questo caso, anche il miglior elemento protettivo non serve.

Più chiusure in velcro
Su alcuni modelli, gli esperti vorrebbero perciò che i nastri con chiusura in velcro fossero più numerosi e larghi. In tal modo, infatti, gli elementi di protezione si potrebbero fissare in modo da aderire meglio alla mano.

I produttori dei guanti non concordano con i risultati del test. La ditta Level scrive che la protezione Biomex ha un anello per il pollice che lo terrebbe in posizione in caso di caduta. Snowlife dichiara di non essere a conoscenza di alcun caso in cui uno snowboarder si sarebbe ferito al polso con uno Snowlife.

Nel criterio del comfort d’indossamento le note non sono state molto migliori di quelle attribuite all’efficacia protettiva. In parte, le protezioni erano di disturbo: secondo gli esperti creano una pressione sul polso oppure fanno male. Con alcuni modelli, al momento di togliersi i guanti si sfilava anche la fodera interna.

Indossando guanti con protezioni si possono certamente evitare infortuni con conseguenze a lungo termine quando si fa snowboard. Molti modelli dovrebbero però essere migliorati.


I criteri del test

Il laboratorio ha testato 15 paia di guanti da snowboard in base ai seguenti criteri:

Protezione dei polsi
- Posizione, dimensione e forma degli elementi di protezione sono adeguate?
- Qual è il grado di protezione in caso di caduta sul polso?
- Il guanto è in grado di attutire l’energia che agisce sul polso?

Praticità
- Le protezioni permettono un posizione confortevole e naturale della mano?
- I guanti sono facili da infilare e sfilare?
- È possibile aprire gli attacchi e prendere la sciovia con su i guanti?
- Le protezioni interne sono fastidiose, causano dolore?


Consigli
La punta delle dita dev’essere rinforzata

- Gli snowboarder con poca pratica rischiano maggiormente perché cadono più spesso sulle mani. È quindi importantissimo indossare guanti con elementi protettivi.

- Se la protezione non aderisce bene alla mano, non serve a niente. Fate una prova appoggiando la mano distesa su una superficie piana e spingendo in avanti il braccio. Se l’elemento protettivo integrato “sfugge” o non limita il movimento grazie alle chiusure in velcro, la protezione non sarà efficace.

- Tenete il guanto indossato per qualche minuto già in negozio per sentire se le protezioni integrate pungono o premono troppo già dopo poco. Verificate anche se con i guanti siete in grado di svolgere gesti usuali come aprire/chiudere una cerniera.

- Un guanto da snowboard deve avere rinforzi sulla punta delle dita, altrimenti si consuma presto.

- Il prezzo dei guanti da snowboard non dipende soprattutto dagli elementi protettivi.

Rolf Muntwyler, K-Tipp
Vichi Masella

Impressum Design by VirtusWeb