HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
Spendere Meglio
Edizione: 1/2010 febbraio

Nome: Spendere Meglio
Nato il: 7 febbraio 1996
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 20 dei mesi pari


Abbonati a Spendere Meglio
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
Spendere Meglio su iPhone

Torna indietro
1/2010 febbraio | pagina 14

Le profezie del tempo
Le stazioni meteo si sono rivelate del tutto inutili in un esame pratico

Le previsioni delle stazioni meteo non sono affidabili. Su 12 modelli, i migliori sono insufficienti. Lo rivela un test.
(vedi tabella versione cartacea)

Fuori nevica, ma il display indica soleggiato. Chi lavora fuori ha bisogno di previsioni attendibili. Così come chi ama fare gite all’aria aperta.

La rivista per i consumatori K-Tipp ha testato la precisione di 12 stazioni meteo in collaborazione con Hans Richner, professore al politecnico di Zurigo presso l’istituto di scienze dell’atmosfera e del clima. I prezzi variavano da fr. 50.- a fr. 149.-. Le previsioni sono anche state elaborate da Meteonews, Meteosuisse, Sf Meteo e Meteotest (vedi “I criteri del test”).

Ebbene, solo questi servizi professionali hanno ottenuto un voto buono o molto buono. Le stazioni meteo per la casa sono invece tutte insufficienti o pessime.

Ci sono due tipi di stazioni meteo: per le previsioni su 24 ore o diversi giorni. Il test ha dimostrato che le prime sono relativamente costose e non sono altro che un semplice barometro. Registrano tout court il cambiamento della pressione atmosferica e indicano vagamente la tendenza del tempo.

Prevedono e stravedono
Per gli apparecchi più lungimiranti, il migliore (si fa per dire) si è rivelato Meteotronic di La Crosse, risultato comunque insufficiente. Le previsioni per 24 ore erano sufficienti, ma quelle su più giornate non hanno convinto.

I voti peggiori sono andati al modello Ws-580 di Technoline. La programmazione è difficile e l’apparecchio richiede un collegamento permanente a internet. Inoltre, questa stazione dovrebbe essere in grado di indicare le previsioni per cinque giorni. Ma in tre casi su quattro si sono rivelate clamorosamente sbagliate: indicavano “sole” mentre fuori tempestava.


I criteri del test

Le stazioni esaminate:

- Otto apparecchi semplici con previsioni per la giornata in corso.

- Quattro con previsioni per più giorni.

- Quattro servizi meteo professionali.

Durata del test

- Per 28 giorni, da metà ottobre a metà novembre 2009, sono state raccolte le previsioni dei 12 apparecchi e dei 4 servizi professionali.

- Il tempo reale è stato annotato di mattina, pomeriggio e sera.

- Ulteriori controlli sono stati effettuati all’inizio di gennaio.

Altri criteri:
- Praticità: se complicate da usare, sono stati detratti punti.


Tutte bocciate

Ognuna delle otto stazioni per le previsioni su 24 ore sono state bocciate nel test pratico.

La migliore ha azzeccato solo 11 previsioni su 28; la peggiore soltanto 4.

Gli apparecchi testati sono i seguenti (elencati secondo la classifica):

- iRox Hbr653 (fr. 130.-, Coop)
- Tfa MeteoMax (fr. 99.-, Brack.ch)
- Hama Ews-400 (fr. 59.-, Media Markt)
- Durabase 9130-It (fr. 49.90, Migros)
- Conrad Kw9110 (fr. 74.95, Conrad)
- Tfa Linear (fr. 115.-, Jumbo)
- Oregon Scientific Bar208 (fr. 129.-, Interdiscount)
- Conrad Ws9611It (fr. 59.95, Conrad).

Christian Birmele, K-Tipp
Anja Rosebrock


Impressum Design by VirtusWeb