HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
Spendere Meglio
Edizione: 1/2010 febbraio

Nome: Spendere Meglio
Nato il: 7 febbraio 1996
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 20 dei mesi pari


Abbonati a Spendere Meglio
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
Spendere Meglio su iPhone

Torna indietro
1/2010 febbraio | pagina 22

Le teste toste vanno protette
Caschi per giovani e bambini: mentoniere troppo resistenti e aerazione inadeguata

I caschi da sci per bambini e giovani proteggono relativamente bene testa e gola, ma sicurezza e praticità sono carenti. Solo due su nove superano un test.
(vedi tabella versione cartacea)

Anche se soddisfa solo in minima parte i criteri di sicurezza, un casco da sci è meglio di una testa scoperta. Bambini e giovani, però, lo indossano solo se è comodo e facile da usare.

La rivista per i consumatori K-Tipp, in collaborazione con l’organizzazione austriaca per i consumatori Vki, ha indagato per scoprire quali caschi soddisfano tutte le esigenze.

Dodici ragazzi ne hanno giudicato praticità e comfort, e in laboratorio sono in più state condotte prove di sicurezza, ammortizzazione agli urti, resistenza dei materiali ai colpi e mentoniere (vedi “I criteri del test”).

Le prove sono state eseguite in base alle direttive per i caschi da sci. Ma il laboratorio ha reso due criteri più severi:

- La compattezza dei materiali è stata testata secondo le direttive per i caschi da competizione (classe A) anziché in base ai meno severi requisiti per quelli destinati agli sciatori del tempo libero (classe B). Il test per questi ultimi simula una collisione a soli 10 km/h, inferiore a quella reale. Anche la velocità di 14 km/h, fissata per la classe A, è comunque bassa.

- Affinché un casco non si stacchi dopo una caduta, la mentoniera dev’essere agganciata in modo corretto, secondo le norme di sicurezza vigenti. Il laboratorio ha sottoposto a test anche la seguente situazione: il casco si stacca in caso di strappo al mento con una forza di oltre 100 chili? Questa prescrizione vale per i caschi da lavoro per evitare ferite alla gola e alla nuca.

Giro e Uvex sul podio
Due modelli hanno superato gli esami più severi quasi senza problemi, con buone note nel giudizio globale: Giro Slingshot e Uvex X-Ride junior.
Gli altri modelli hanno ricevuto una nota sufficiente. La compattezza di Carrera, Alpina e R.E.D. non è sufficiente per le alte pretese del test.

Per molti caschi, il sistema di tenuta della mentoniera è così resistente da non cedere nemmeno a una forte trazione.
Questo vale per gli articoli di Salomon, Head, Scott, Carrera e Alpina.

Il sistema di tenuta del modello Snow Shield è risultato ottimo: la cinghia è ancorata molto bene al casco e, se sollecitata da forti pressioni, cede per evitare ferite alla gola.

Nei due caschi per bambini giudicati buoni, le rotelline per adattare il sottomento sono complicate da utilizzare e impossibili da regolare se si indossano i guanti.

Inoltre, per quasi tutti i caschi non convincono i test pratici effettuati sulle aperture per l’aerazione. A differenza dei modelli per adulti, non si chiudono ermeticamente, ad eccezione di Scott Shadow. Questo può essere spiacevole se piove o nevica.
I giovani giudicano l’aerazione dei caschi quasi inutile.

Troppe sostanze nocive in un solo modello
Sono state rilevate sostanze pericolose nella struttura soltanto in minima parte. Solo il casco di Scott contiene parecchio plastificante diisobutiliftalato, tanto da essere svalutato nel giudizio globale.

Si sospetta che questo materiale provochi danni agli organi e al patrimonio genetico.


I criteri del test

I nove caschi per bambini e giovani sono stati testati in base ai seguenti criteri:

- Assorbimento degli urti
Come attutiscono un colpo sul ghiaccio a 20 km/h?

- Resistenza alla perforazione
Proteggono dagli oggetti appuntiti? Velocità: 14 km/h.

- Sistema di tenuta
Mentoniere e cinghie assicurano che il casco rimanga sulla testa in caso d’impatto? Con forte sollecitazione, le cinghie si staccano per evitare ferite alla gola?

- Qualità della lavorazione
Gusci, materiale interno, cuciture e rinforzi sono ben fabbricati? L’imbottitura è stata bagnata 12’800 volte e lavata a secco 25’600 per verificarne la resistenza all’usura.

- Vista/udito
Il casco limita troppo visuale e udito?

- Maneggevolezza
12 ragazzi hanno testato se: sono facilmente adattabili e comodi anche per chi ha i capelli lunghi e/o porta gli occhiali da sci, si mettono e tolgono senza difficoltà e rapidamente, nonché l’aerazione.

- Sostanze nocive
Il materiale interno contiene plastificanti dannosi (ftalati), ritardanti di fiamma o idrocarburi policiclici aromatici?

Rolf Muntwyler, K-Tipp
Gianna Bontagnoli

Impressum Design by VirtusWeb