HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
Spendere Meglio
Edizione: 1/2010 febbraio

Nome: Spendere Meglio
Nato il: 7 febbraio 1996
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 20 dei mesi pari


Abbonati a Spendere Meglio
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
Spendere Meglio su iPhone

Torna indietro
1/2010 febbraio | pagina 29

Gli interessi del broker
Gli intermediari affidabili dovrebbero collaborare con più assicurazioni. Ma spesso puntano più alla loro provvigione che al bene del cliente

Spesso, più che al bene del cliente pensano alla loro provvigione

I broker propongono spesso polizze assicurative inutili pur di incassare le provvigioni. Prima di firmare, indagate sulla loro serietà.

Nel 2008 gli svizzeri hanno speso poco meno di fr. 6’500.- a testa in assicurazioni private, inclusa la cassa malati.

I broker o consulenti intermediari sono 800. A differenza dei collaboratori esterni delle compagnie assicurative, che vendono solo i prodotti della propria società, propongono le polizze di molti assicuratori.

Secondo l’Associazione svizzera d’assicurazioni, circa l’80% delle imprese e poco meno di un quarto dei privati stipulano le loro assicurazioni attraverso broker indipendenti.

Ma in realtà i broker che si possono definire indipendenti sono pochi. Non è raro che convincano il cliente a sottoscrivere un contratto della durata di 10 anni oppure polizze, soprattutto nell’ambito delle assicurazioni vita, delle quali in realtà non ha bisogno.

Conflitto d’interessi per i broker
Le compagnie assicurative pagano una provvigione al broker per ogni contratto stipulato. Più sono alti i premi e più è lunga la durata del contratto, più generose saranno le provvigioni.

I broker seri non nascondono il fatto di riceverle e le restituiscono ai clienti. In compenso, questi pagheranno l’onorario concordato.

Non esiste la consulenza gratuita. Probabilmente il cliente non deve versare alcun onorario, ma in compenso il broker si fa pagare dalle compagnie assicurative. E il conflitto d’interessi è evidente: il cliente vuole l’assicurazione migliore, mentre il broker mira alla firma di un contratto della compagnia che gli paga la provvigione più alta.

Secondo gli addetti ai lavori, nelle assicurazioni vita le provvigioni variano tra il 2,8% e il 3,5% del premio complessivo.

Se per un’assicurazione rischio un cliente paga fr. 60’000.- nell’arco di 20 anni, il broker riceve fino a fr. 2’100.-.
Nelle assicurazioni economia domestica o rc la provvigione ammonta al massimo a un premio mensile. Le più lucrative sono le provvigioni per le assicurazioni miste, che possono raggiungere fr. 5’000.-.


Consigli

Come evitare fregature

- Chiedete informazioni sulle compagnie assicurative con le quali il broker collabora. Più sono, meglio è. Sul sito www.vermittleraufsicht.ch si può verificare l’indipendenza dei broker.

- Fate analizzare le vostre polizze assicurative per capire se avete bisogno di stipularne un’altra.

- Se sapete di quale copertura avete bisogno, chiedete almeno cinque offerte.

- Non stipulate polizze di lunga durata. Scegliete contratti che si rinnovano tacitamente di un anno se non sono disdetti. Potete così adeguare la copertura assicurativa a nuove situazioni.

- Verificate che il broker dichiari le provvigioni e ve le trasmetta.

- Concordate con il broker un onorario a ore, fissando una tariffa oraria.

Thomas Lattmann, Saldo
Michela Salvi

Impressum Design by VirtusWeb