HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
Spendere Meglio
Edizione: 6/2010 dicembre

Nome: Spendere Meglio
Nato il: 7 febbraio 1996
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 20 dei mesi pari


Abbonati a Spendere Meglio
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
Spendere Meglio su iPhone

Torna indietro
6/2010 dicembre | pagina 11

NAVIGARE MEGLIO - Copyright e insegnamento
L’11 novembre 2010, a Ginevra, è stato organizzato da Dice (Digital copyrights for e-learning) un workshop sul diritto d’autore per l’insegnamento. Si tratta di un progetto collaborativo tra l’Usi, l’Università di Ginevra, il Politecnico di Zurigo, la Fernfachhochschule di Briga e Creative Commons Svizzera. Anche se Dice si rivolge principalmente al personale universitario, alcuni dei circa 50 partecipanti provenivano dall’insegnamento secondario.

In effetti, come la giurista Jessica Litman scriveva già nel 1994, «all’inizio del 900, la legge sul diritto d’autore era tecnica, incoerente e difficile da capire, però riguardava poche persone e poche cose. (...) 90 anni dopo, è diventata ancora più tecnica, incoerente e difficile da capire e - cosa più importante - riguarda tutti e tutto. Per molti tra noi, è impossibile trascorrere una sola ora senza scontrarci con essa». E questo è particolarmente vero per gli insegnanti: sia perché devono aiutare i giovani a capirvi qualcosa, sia nel decidere quali materiali digitali possono usare nelle loro lezioni.

Quella citazione di Jessica Litman è stata usata il 4 novembre 2010 da Lawrence Lessig, uno degli ideatori delle licenze Creative Commons, nel suo discorso di inaugurazione di una sessione dell’Organizzazione mondiale della proprietà intellettuale (Ompi), in cui caldeggiava una riforma fondamentale del diritto d’autore, diventato obsoleto perché basato su una nozione di copia che è radicalmente cambiata con l’avvento delle tecnologie digitali. Tuttavia, visto che in Svizzera le disposizioni dei trattati Ompi del 1996 sulle opere digitali sono soltanto state inserite nella Legge sul diritto d’autore (Lda), con la revisione entrata in vigore nel 2008 non è possibile aspettare che essa venga riformata nel senso auspicato da Lessig.

Di conseguenza, al workshop di Ginevra sono stati distribuiti un manuale elaborato da Dice e il testo della Lda, ne sono stati spiegati i principi basilari e un metodo per accertare la liceità di ciò che si intende fare con opere altrui. Inoltre, sono stati presentati gli archivi in accesso libero e le licenze Creative Commons, e si sono analizzati e discussi casi concreti.

Dice prevede di organizzare presso l’Usi un workshop simile a quello di Ginevra il 16 dicembre 2010. Ulteriori informazioni in merito verranno date dall’Usi e riportate nella versione online di questa rubrica.

Claude Almansi
WebMultimediale.org

Impressum Design by VirtusWeb