HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
L'Inchiesta
Edizione: 5/2016 settembre

Nome: L'Inchiesta
Slogan: L'Inchiesta indaga
Nato il: 17 novembre 1999
Uscita: entro il 10 dei mesi dispari
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno


Abbonati a L'Inchiesta
Acquista gli arretrati
Tutte le edizioni

L'inchiesta su iPad e iPhone
L'Inchiesta indaga sugli abusi che penalizzano il cittadino. Confronta prodotti e servizi. Pubblica test di laboratorio. Aiuta il consumatore a difendere i suoi diritti e a districarsi nella burocrazia quotidiana. Spiega le leggi con una rubrica di domande e risposte giuridiche, in particolare sul diritto del lavoro, diritto di famiglia e diritto delle assicurazioni.

5/2016 settembre

Foto senza colore
Deludono quasi tutti i laboratori per la stampa di immagini. Aldi è la meno cara ma la più lenta Bastano pochi clic per caricare immagini digitali sul sito web di un laboratorio fotografico e ordinare le foto cartacee. Ma con quali risultati? Sull'arco di quattro mesi, la rivista per consumat...
Continua [L'Inchiesta, 5/2016]
In bagno? Mi irriti!
Alcune salviettine per l'igiene intima possono infiammare la pelle. I prezzi variano molto La pelle delle zone intime è sottile e molto sensibile. Secondo i dermatologi, reagisce in modo simile alle mucose, lo stato protettivo di organi quali stomaco e intestino. Ecco perché le salviettine igien...
Continua [L'Inchiesta, 5/2016]
Devo indossare il casco se vado in monopattino?
L'Inchiesta risponde a dieci domande dei lettori sui mezzi simili a veicoli È permesso circolare in monopattino sulle strade? Sì, ma non su quelle principali e in zone chiuse ai pedoni. Dal punto di vista giuridico, i monopattini appartengono alla classe dei "mezzi simili a veicoli". S'in...
Continua [L'Inchiesta, 5/2016]
Barrette bugiarde
Le immagini sulle confezioni sono ingannevoli: ritraggono un frutto che in realtà non c'è Sulle confezioni delle barrette alla frutta appaiono mirtilli, lamponi e fragole. Molti prodotti però ne sono quasi privi. Bastano infatti poche gocce di concentrato di succo colorato per trasformare econom...
Continua [L'Inchiesta, 5/2016]
Muori? Soldi congelati
Per risparmiare sulle spese bancarie si può aprire un conto congiunto. Che però rischia di essere bloccato dopo la morte di un contitolare Aldo e Maria sono sposati. Per risparmiare sui costi bancari, vorrebbero avere un solo conto per l'accredito degli stipendi e il pagamento delle spese, e po...
Continua [L'Inchiesta, 5/2016]
Passi e cuore sotto controllo
I fitness tracker più sofisticati registrano il tragitto via gps, ma sono costosi. Per gli atleti alle prime armi ve ne sono di più semplici ed economici. Dotazione, precisione e comodità: questi i criteri del test svolto dalla rivista specialistica tedesca Chip su 30 modelli di fitness tracker....
Continua [L'Inchiesta, 5/2016]
Tinte naturali tossiche
Alcuni coloranti per capelli sono pericolosi. E non potrebbero essere venduti nell'Ue La rivista Öko-Test ha analizzato 33 coloranti naturali per capelli alla ricerca di sostanze problematiche. Più di un terzo ha ottenuto un giudizio globale insufficiente. Quattro non potrebbero addirittura ...
Continua [L'Inchiesta, 5/2016]
Migros: dov'è il miele?
Lo yogurt al miele di Migros contiene molto più zucchero che miele. Nella lista degli ingredienti dello yogurt al miele di Migros, al secondo posto si trova già lo zucchero, al terzo il miele. La rivista KTipp ha calcolato che lo yogurt contiene il 9% di zucchero, ma solo il 4% di miele. Chi...
Continua [L'Inchiesta, 5/2016]
Tutto il dentifricio? Scordatelo!
Nel tubetto rimane fino all'11% di dentifricio. Una parte del prodotto è destinata a seccare. Chi non ha mai provato a spremere il tubetto per fare uscire tutto il dentifricio? La Centrale per i consumatori di Amburgo, insieme con la rivista Saldo, ha misurato la quantità di dentifricio che riman...
Continua [L'Inchiesta, 5/2016]
Molestie foniche necessarie
Non facciamo di tutti i rumori un flagello della modernità. Ricordo il desiderio che un deputato rosso-verde esternò convinto in Gran Consiglio: sia bandito lo zecky boy (decespugliatore), si torni al buon vecchio falcione. Irrealismo di stampo ideologico, opzione improponibile: il decespugliatore è...
Continua [L'Inchiesta, 5/2016]
Acqua del rubinetto a peso d'oro
Per via del «chilometro zero», una lettrice de L'Inchiesta ha pagato 10 franchi per un litro d'acqua di rubinetto. «Il primo agosto verso le 18, al Ristorante Hotel La Tureta di Giubiasco abbiamo ordinato due bottigliette da mezzo litro di acqua minerale» racconta. «Ci hanno portato acqua del rub...
Continua [L'Inchiesta, 5/2016]
Casse malati, solleciti da capogiro
Chi non versa i premi per tempo rischia di pagare spese salate. E l'assicurazione può rigettare un'opposizione senza passare dal giudice Se non si pagano le fatture e non si reagisce ai solleciti, si rischia di ricevere un precetto esecutivo, contro il quale ci si può opporre. Il creditore dovrà ...
Continua [L'Inchiesta, 5/2016]
Strade rumorose? Andateci piano
Ridurre la velocità è la soluzione più efficace contro l'inquinamento fonico. Ma non tutti concordano Secondo l'Ufficio federale dell'ambiente (Ufam), in Svizzera 1,3 milioni di persone sono esposti a rumori stradali di intensità superiore al limite, che a lungo termine mettono a rischio la salu...
Continua [L'Inchiesta, 5/2016]
Integrazione o assimilazione?
«La Germania non ha manodopera qualificata e non può fare a meno degli immigrati, ma questi si devono integrare e devono adottare la cultura e i valori tedeschi». Parole di Angela Merkel. Ovvio che uno straniero debba integrarsi; ma perché mai dovrebbe far propri gli usi e costumi tedeschi? L'uni...
Continua [L'Inchiesta, 5/2016]
Economia pigliatutto
Quasi duemila membri siedono nelle commissioni extraparlamentari. Ma sono pochissimi quelli che rappresentano i consumatori Per il periodo amministrativo 2016-2019, il Consiglio federale ha nominato 1'900 membri per le 119 commissioni extraparlamentari. Per legge, queste persone devono rappresent...
Continua [L'Inchiesta, 5/2016]
Donazioni fumose
Con milioni di franchi distribuiti ogni anno, le multinazionali del tabacco vogliono ripulirsi l'immagine e la coscienza I grandi produttori dell'industria del tabacco Philip Morris, Japan Tobacco International e British American Tobacco hanno una sede in Svizzera. Sponsorizzano festival musical...
Continua [L'Inchiesta, 5/2016]
Prodotti pericolosi
Sono numerosi i prodotti pericolosi ritirati dal mercato. Di regola, i fabbricanti li richiamano spontaneamente per evitare conseguenze spiacevoli. Ecco alcuni esempi. - Portabici. Thule richiama il suo portabici Sprint con numero di prodotto 569000: un dispositivo a pinza può staccarsi, provocan...
Continua [L'Inchiesta, 5/2016]
Gioco rischioso
Nel 2015 un terzo dei prodotti segnalati da Rapex era per bambini. Rilevate troppe sostanze chimiche dannose Kuno è un draghetto verde di peluche che ispira tante coccole. Peccato, però, che nelle sue ali gialle e arancioni c'è un foglio in materiale sintetico contaminato con il plastificante die...
Continua [L'Inchiesta, 5/2016]
In volata con l'e-bike
La posizione del motore condiziona la velocità delle bici elettriche. Occhio alla batteria Le bici con motore elettrico sono di moda: nel 2015, il 20% delle biciclette vendute in Svizzera era un'e-bike (l'1% dieci anni fa). Le più vendute sono quelle che con la pedalata assistita raggiungono una ...
Continua [L'Inchiesta, 5/2016]
Caro bucato
Non tutte le lavatrici forniscono buone prestazioni. Per averle, bisogna spendere mille franchi. La rivista italiana per i consumatori Altroconsumo ha testato 24 lavatrici con capienza da 7 a 13 chili. Un apparecchio su tre ha fornito buoni risultati. I criteri: i consumi elettrici e d'acqua e le...
Continua [L'Inchiesta, 5/2016]
Basta spot sull'iPhone
Non volete la pubblicità mentre navigate con l'iPhone? Installate un ad blocker. I banner pubblicitari a comparsa consumano dati inutili e rallentano la navigazione sul web se la connessione non è ottima. Per non essere più assillati dagli spot indesiderati, è sufficiente scaricare app specif...
Continua [L'Inchiesta, 5/2016]
Voilà, la tavoletta diventa un portatile
I nuovi tablet 2-in-1 fanno concorrenza ai laptop, nelle prestazioni e nel prezzo. Occhio però allo schermo e alla tastiera Prima erano adatti per navigare, leggere e guardare film, ma non per scrivere. Ora i nuovi tablet 2-in-1 si trasformano anche in portatili: possono essere usati sia passand...
Continua [L'Inchiesta, 5/2016]
Note dolenti
Scarsa l'offerta di musica classica da ascoltare in streaming con il cellulare. Dalle app anche poche informazioni su pop-rock e jazz Con il cellulare si possono ascoltare milioni di brani in streaming, evitando così i download o le ingombranti collezioni di cd. Basta un'app sul cellulare e il gi...
Continua [L'Inchiesta, 5/2016]
Il telefonino si fa in due
Il telefonino si fa in due Su 20 smartphone dual sim, gli esperti ne promuovono la metà. Con 230 franchi si ha un buon prodotto. Avete due numeri di telefono ma non volete due cellulari? Allora uno smartphone dual sim fa al caso vostro. Ma qual è il migliore? La rivista specialistica Computer-...
Continua [L'Inchiesta, 5/2016]
Se il caricabatterie fa cilecca
I modelli testati caricano meno di quanto promesso. Ma resistono ad alte e basse temperature Avete in programma un viaggio lungo e non volete che il cellulare non vi abbandoni? Possono esservi d'aiuto i caricabatterie esterni. Ma sceglieteli con attenzione: quelli più piccoli con una prestazion...
Continua [L'Inchiesta, 5/2016]
Così viaggio al sicuro
Alla prova 60 seggiolini auto per bambini. Anche quelli più economici proteggono bene I seggiolini auto per bambini proteggono davvero in caso di incidenti? Per saperlo, gli esperti della rivista francese Que choisir hanno fatto frenare bruscamente una Golf Vii lanciata a una velocità di 64...
Continua [L'Inchiesta, 5/2016]
Vetri più lindi se faccio da me
Mediocri i robot per pulire le finestre. Migliori gli aspiragocce e gli attrezzi più semplici Dopo il robot per tagliare l'erba in giardino e per aspirare la polvere in casa, è arrivato sul mercato quello per pulire i vetri. Grazie a questi apparecchi, produttori e venditori promettono una vera...
Continua [L'Inchiesta, 5/2016]
Mi disfo dell'ipoteca e vivo meglio
Saldare il debito per la casa può far risparmiare migliaia di franchi all'anno Carlo è sposato e abita a Bellinzona con la moglie. Ha acquistato una casa e ha un'ipoteca di 250 mila franchi. Con la metà dei suoi risparmi vuole estinguerla. Gli conviene farlo? Sì. L'Inchiesta ha fatto quattro cont...
Continua [L'Inchiesta, 5/2016]
E se regalo l'orologio a un'altra?
«Anni fa ho stipulato un contratto matrimoniale e successorio con mio marito. In questo c'è anche scritto che la mia migliore amica riceverà il mio orologio d'oro. Ora però vorrei regalarlo a mia figlia. Posso farlo?» Sì. In vita lei può disporre liberamente dei suoi averi, indipendentemente da c...
Continua [L'Inchiesta, 5/2016]
Avs: mi spetta la rendita per figli?
Vorrei andare in pensione in anticipo a 63 anni. Mia figlia è minorenne: ho diritto a una rendita Avs per figli?» No. Il diritto a una rendita Avs per figli nasce con il raggiungimento dell'età ordinaria di pensionamento, dunque a 64 anni per le donne e a 65 per gli uomini. A quel punto la rendit...
Continua [L'Inchiesta, 5/2016]
L'attestato di carenza beni
Cos'è un attestato di carenza beni? Questo documento certifica che, nell'ambito di una procedura esecutiva o di fallimento, il creditore è stato pagato in parte o per nulla. Qual è la differenza tra un attestato di carenza beni dopo pignoramento e uno dopo fallimento? Con un attestato di ca...
Continua [L'Inchiesta, 5/2016]
E se mi rifiuto di lasciare l'appartamento?
E se mi rifiuto di lasciare l'appartamento? «Il proprietario del mio appartamento mi ha dato la disdetta. L'ho contestata entro i termini legali, ma la procedura di conciliazione non ha ancora avuto luogo. Posso rifiutarmi di riconsegnare l'appartamento il giorno della scadenza, se tale procedur...
Continua [L'Inchiesta, 5/2016]
Se per andare al grotto manca la scorciatoia
Secondo l'Ufficio federale delle strade (Ustra), nelle zone urbane ci dev’essere almeno un percorso pedonale ogni 100 metri attraverso una casa e l’altra(1). A Giubiasco, tra via Fabrizia e via Monte Tabor (vedi cartina), questa norma non è rispettata nemmeno lontanamente: ci sono infatti ben 600 me...
Continua [L'Inchiesta, 5/2016]

Impressum Design by VirtusWeb