HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
L'Inchiesta
Edizione: 6/2009 novembre

Nome: L'Inchiesta
Nato il: 17 novembre 1999
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 10 dei mesi dispari


Abbonati a L'Inchiesta
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
L'inchiesta su iPad e iPhone

Torna indietro
6/2009 novembre | pagina 4

Tabacco da mille e uno gusti
Le foglie di tabacco Blunt Wrap invogliano al fumo con i loro particolari sapori.

I negozi presso le stazioni ferroviarie come Aperto o le stazioni di servizio vendono foglie di tabacco aromatizzato per arrotolare sigarette o da mischiare con la canapa. Un pacchetto con due foglie costa fr. 2.-, tabacco escluso.

I cosiddetti Blunt Wrap, provenienti dalla Repubblica domenicana, esistono in 18 aromi, tra cui gin, wisky e piña colada. Quest'ultimo, secondo Andreas Hofer, direttore della catena di negozi Aperto, è il preferito.

Per Verena El-Fehri, amministratrice dell'Associazione svizzera per la prevenzione al tabagismo, le Blunt Wrap che sanno di alcol sono una perfidia: «Pur di fare soldi si spingono senza scrupoli i giovani non fumatori al consumo di tabacco».

La rivista per i consumatori Saldo ha voluto saperne di più sulle Blunt Wrap rivolgendosi all'importatore, Cobra Traders di Losanna, che però si è rifiutato di dare qualsiasi informazione. Non ci sono nemmeno indicazioni sull'indirizzo internet svizzero riportato sulla confezione, che non funziona.

La responsabilità è dell'importatore
Secondo Michael Anderegg dell'Ufficio federale della salute pubblica (Ufsp), in Svizzera le Blunt Wrap non hanno bisogno di autorizzazione. La responsabilità è dell'importatore, il quale deve assicurare che i prodotti corrispondano ai requisiti giuridici.

In base a ricerche effettuate da Saldo si rileva che per i giovani fumatori sarà presto molto difficile mettere mano sul tabacco. Se la Svizzera ratifica la convenzione sul tabacco dell'Organizzazione mondiale della sanità, si arriverà su tutto il territorio svizzero al divieto di vendita di tabacchi ai giovani sotto i 18 anni. Secondo l'Ufsp, però, questo non entrerà in vigore prima del 2013.

Sabine Rindlisbacher, Saldo
Silvia Job

Impressum Design by VirtusWeb